ODEO DAYS
PRESENTAZIONE
DI ARISTODEMO
Ultima settimana di appuntamenti

Martedì 17 Settembre 2019
ODEO DAYS
PRESENTAZIONE
DI ARISTODEMO
Ultima settimana di appuntamenti alla Loggia e Odeo Cornaro di via Cesarotti per la chiusura di Odeo days 2019. Oggi alle 18 incontro di presentazione del progetto di messa in scena dello spettacolo Aristodemo dell'autore rinascimentale Carlo De Dottori. Interverranno: Alessandro Metlica, Enrico Zucchi, Giovanni Florio (Disll Unipd, progetto di ricerca Risk Republics on the Stage of Kings Erc Starting Grant 2017, promotori del progetto) e Leonardo Tosini, regista di MatricolaZero. Alle 21.10 la prima di Aristodemo: il migliore tra il popolo con Maria Celeste Carobene e Gaetano Tizzano, per la regia di Leonardo Tosini.
VOLONTARIATO
INCONTRI SU PADOVA
CAPITALE EUROPEA
Oggi alle 17, nella sala verde del Pedrocchi, primo incontro del ciclo Un altro caffè, che avrà cadenza mensile e sarà dedicato a Padova capitale ruropea del volontariato nel 2020. Si apre con la parola Sconfinamenti e con le suggestioni di Solidaria, l'evento del Centro Servizi Volontariato di Padova.
ARENA ROMANA
STASERA L'OMAGGIO
A FEDERICO FELLINI
Nuovo appuntamento con la personale dedicata a Federico Fellini che la Promovies gli sta dedicando in occasione del centenario dalla nascita, ai Giardini dell'Arena Romana di Padova (entrata da via Porciglia, lato piazzale Boschetti). Questa sera alle 21 si potrà assistere al film E la nave va firmato da Federico Fellini e tratto da alcune opere liriche di Andrea Zanzotto dalle quali furono tratti i testi per i cori. Un'opera del 1983 che si aggiudicò ben 4 Premi David: miglior film, miglior sceneggiatura firmata dallo stesso Fellini che per l'occasione fu affiancato da Tonino Guerra, miglior scenografia e miglior fotografia. A seguire l'omaggio a Giotto e alla Cappella degli Scrovegni con lo storico film Racconto di un affresco del 1938 di Luciano Emmer che per molti decenni è stato a Padova ospite della Promovies, già docente alla sua Scuola Permanente di Cinematografia. È la prima pellicola di Emmer ed è anche il primo esempio in bianco e nero di film sull'arte.
© RIPRODUZIONE RISERVATA