Insediato il nuovo vescovo, mons. Pompili: «Sono carico di responsabilità oltre che di curiosità»

Sabato 1 Ottobre 2022 di Redazione Web
Il neo vescovo con il Papa (foto Famiglia cristiana)

VERONA - «C'è una comunità che colgo di essere in grande attesa e la cosa mi carica di responsabilità oltre che di curiosità» ha detto oggi - 1. ottobre - il nuovo vescovo di Verona, Domenico Pompili, che si è insediato alla guida della Diocesi scaligera. Arriva da Rieti e succede a Giuseppe Zenti, che ha cessato l'incarico per aver raggiunto il limite di 75 anni di età.

Il nuovo vescovo di Verona ha iniziato la sua giornata di insediamento recitando il Rosario al Santuario della Madonna della Corona a Spiazzi. «Siamo partiti da qui - ha spiegato - perché la religiosità popolare della Madonna è una componente essenziale del nostro vissuto, ma abbiamo anche incontrato genitori di bambini che sono morti precocemente e quindi la sensibilità verso la differenza». Poi il Vescovo Pompili si è recato nel carcere veronese di Montorio: «è necessario avere attenzione tenendo conto che di recente che ci sono già stati episodi tragici non solo all'interno del carcere, dove si sono registrati alcuni casi di suicidio, ma anche tra le forze di Polizia - ha affermato - . Questo indica un problema che è più complessivo e non può non riguardare tutti».

Nel primo pomeriggio è partita una passeggiata dalla Basilica di San Zeno con i giovani. «Occorre indicare che bisogna mettersi sempre in cammino, ogni generazione è chiamata a riappropriarsi non solo della propria libertà, ma anche delle proprie persuasioni. E la necessità di muoversi: ciò che è stagnante è sempre qualche modo preoccupante» ha osservato Monsignor Pompili che terminerà la giornata celebrando la Messa in Duomo. «C'è un passaggio del Vangelo di Giovanni - ha concluso - in cui Gesù dice »affinché portiate un frutto. La Chiesa è un noi, non è una persona al singolare. Il frutto fondamentale che in Vangelo ci offre è il frutto dell'amore, quindi uno sguardo nuovo sulla realtà, capace di trasformarla dal di dentro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci