Ruba una moto, già libero il figlio
del bandito ucciso: obbligo di firma

PER APPROFONDIRE: alan cassol, furto, graziano stacchio, moto
Ruba una moto, già libero il figlio
del bandito ucciso: obbligo di firma
JESOLO - Niente carcere per Alan Cassol, il diciannovenne arrestato venerdì sera al termine di uno spettacolare inseguimento, con tanto di elicottero, dopo aver commesso il furto di una moto di grossa cilindrata.
 
 

Ieri mattina, in tribunale di Venezia, l'udienza (con convalida dell'arresto) per il giovane figlio di Albano, il rapinatore rimasto ucciso dall'ormai noto benzinaio vicentino Graziano Stacchio, dopo un conflitto a fuoco. Ad Alan, già noto alle forze dell'ordine, l'obbligo di firma nella caserma del comune di residenza, in questo caso Fontanelle, nel Trevigiano, e processo per il furto rinviato al 10 giugno.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 22 Maggio 2016, 08:23






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ruba una moto, già libero il figlio
del bandito ucciso: obbligo di firma
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 74 commenti presenti
2016-05-24 17:49:04
ma adesso chi paga i danni al proprietario della moto ? che paese... mi chiedo chi sono i veri delinqnuenti
2016-05-23 11:44:50
questo è il paese più ridicolo al mondo!!!! come i n.s politici.
2016-05-23 10:40:51
chi è quel genio che ha tolto i lavori forzati a vita????
2016-05-23 10:39:35
Alan Cassol... ne sentiremo ancora parlare...
2016-05-23 10:23:53
no caro di leggi ne abbiamo anche troppe, purtroppo vengono applicate a discrezione di questa. specie di magistrati benpensanti. questa e' l'italia che abbiamo.