«Lasciatemi andare, uccidetemi». ​Aggredisce autista Actv e agenti

PER APPROFONDIRE: actv, aggressione, autista, mestre
«Lasciatemi andare, uccidetemi». ​Aggredisce autista Actv e agenti
MESTRE - Un tunisino ha aggredito, a Mestre, prima l'autista del trasporto pubblico (Actv), che ha tentato anche di rapinare, e poi gli agenti delle Volanti che lo hanno alla fine arrestato. Gli agenti intervenuti prontamente sul posto, su segnalazione dell'autista, hanno rintracciato e fermavano l'aggressore che risultava essere un 35enne che, all'atto del controllo, ha aggredito verbalmente e fisicamente i poliziotti.

L'uomo si è tolto la maglietta con fare provocatorio dicendo: «Lasciatemi andare via, uccidetemi», per poi scagliarsi violentemente contro un agente colpendolo al viso. Nella circostanza, al fine di preservare la sua ed altrui incolumità, i poliziotti hanno ammanettato il tunisino e lo hanno arrestato in flagranza di reato.

L'uomo anche nell'auto di servizio ha dato in escandescenza e una volta giunto in Questura ha continuato ad inveire contro gli agenti sputando loro contro. L'uomo, essendosi ferito, è stato portato per le medicazioni in ospedale e sia nel viaggio che nel nosocomio ha continuato nel suo comportamento aggressivo. Secondo gli esami clinici è risultato positivo all'uso di stupefacenti (cocaina) e con un alto tasso alcolemico. Lo straniero è risultato anche inadempiente all'ordine del Questore di Venezia di lasciare il territorio dello Stato italiano. L'uomo, poi processato, ha visto il giudice convalidare l'arresto condannandolo alla pena di due anni e due mesi di reclusione e 440 euro di multa, pena sospesa con conseguente immediata scarcerazione, e ha emesso il divieto di dimora nella regione Veneto.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 19 Giugno 2019, 10:56






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Lasciatemi andare, uccidetemi». ​Aggredisce autista Actv e agenti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 26 commenti presenti
2019-06-22 07:57:58
Non credo in questa giustizia... politicizzata.
2019-06-22 07:44:39
La Tunisia, come gli altri Stati hanno aperto carceri e manicomi ed hanno detto: andate! Si son liberati della feccia che avevano in patria. Fece così anche Fidel Castro con l’esodo di Mariel, li spedì tutti in Florida dicendo che questi disgraziati non erano buoni per la rivoluzione!
2019-06-20 13:35:15
... lux universale. stella pamperista. risorsa laurista.. acculturante globalista.. top progressista.. lampada antifascista. tradotto: presente del futuro. una novella civiltà in maglietta rosso porpora fa capolino tra le alpi ed il piano.. alleluia alleluia.. onore alla nuova frontiera che tanto sa di mozzarella..
2019-06-20 12:26:19
Caro ministro della giustizia non sarebbe il caso di cambiare qualche articolo del codice penale ? Come si fa a rilasciare un delinquente colto in flagrante per percosse, rapina, e percosse va pubblico ufficiale rimetterlo in libertà invece di mandarlo in galera fino al processo ? VERGOGNA !!!
2019-06-21 23:26:47
Non hai capito! Il processo è gia bello che finito! essendo stato condannato a poco piu di 2 anni ha usufruito della !libertà condizzionale". Quello che è strano è la condanna esigua per il reato di rapina sommato alle lesioni a pubblico ufficiale! provabilmente ha scelto il pattegiamanto che ha evitato allo stato di spendee tempo e soldi in un processo e che come "premio" abbassa la pena di un terzo, poi li avranno dato almeno le attenuanti generiche con sconto di un altro terzo. Ma la condanna resta esigua se riportata ai reati. Il codice penale non c'entra, è leggi ci sono,