Eraclea, Caorle, Bibione e Lignano: il mare cancella il litorale del Nordest

PER APPROFONDIRE: bibione, caorle, maltempo
Eraclea, Caorle, Bibione e Lignano:
mare cancella il litorale a Nordest

di Marco Corazza

Il mare cancella il litorale del Nordest. Jesolo, Eraclea, Caorle e Bibione, ovunque la spiaggia è stata cancellata dall'incredibile mareggiata che ha lasciato solo danni. Mai sul litorale si era vista una marea di questa portata, almeno dall'alluvione ad oggi.
 
 


A Bibione il mare si è divorato il litorale, tanto che l'acqua è arrivata direttamente in piazzale Zenith, rimasto allagato con il Christamas village lambito dall'Adriatico. La Litoranea veneta è esondata a Quarto Bacino di San Michele, con la strada chiusa. Non è andata meglio alle porte di Bibione, dove la Litoranea si getta sul Tagliamento.



A Bibione Pineda porto Baseleghe è praticamente scomparso, con l'acqua che ha invaso le banchine. Non è andata meglio tra le strade di Pineda, che sono rimaste completamente allagate da circa 30 centimetri d'acqua. A Caorle il porto peschereccio non è riuscito a contenere l'acqua che si è riversata lungo le strade del centro. La stessa chiesetta della Madoninna è rimasta allagata, con danni sia sulla spiaggia di Levante e Ponente. Alle 9.30 di questi mattina l'argine del fiume Lemene, nella località di Marano di Caorle ha ceduto. L' allagamento completo di tutti i territori (2.000 ettari) compresi nei bacini di bonifica posti a nord della frazione di Ottava Presa di Caorle. 

 I SINDACI
Il sindaco di Jesolo e quello di Bibione, rispettivamente Valerio Zoggia e Pasqualino Codognotto, sottolineano che le spiagge del loro litorale sono devastate. In particolare, Codognotto, primo cittadino di San Michele al Tagliamento di cui Bibione fa parte, chiede un «incontro urgente con sistemi territoriali, genio civile e consorzio di bonifica». Codognotto oltre a rilevare che «oltre agli allagamenti causati dal maltempo si registra il problema dell'erosione di migliaia di metri cubi di spiaggia spariti. Ingenti i danni ai chioschi e ai servizi ubicati lungo la fascia litoranea. In più occasioni da parte mia era stata sollevata la criticità della debolezza degli argini agli organi preposti. Invieremo una lettera agli organi preposti per evidenziare l'estrema urgenza di cui necessita il nostro territorio perché corriamo il rischio di realizzare le difese sul mare mentre l'acqua ci arriva da dietro dalla litoranea. Chiederò incontro urgente con la Regione per trovare valide soluzioni». Il maltempo, osserva Zoggia, «ha lasciato segni anche a Jesolo. Attivato dal tardo pomeriggio di ieri il Centro Operativo Comunale per la gestione dell'emergenza».

Meno danni, ma spiaggia comunque devastata, si segnalano sul litorale del Cavallino-Treporti.    
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 13 Novembre 2019, 10:10






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Eraclea, Caorle, Bibione e Lignano: il mare cancella il litorale del Nordest
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 34 commenti presenti
2019-11-14 20:03:47
e ci hanno fatto pure gli scantinati quando facendo una buca con la paletta vedi l'acqua che sgorga. anche a pellestrina tutti con gli scantinati. fanno il muro attorno all'isola per evitare gli allagamenti e poi si fanno gli scantinati. lo stesso discorso vale anche per quelli delle golene. ah, dimenticavo. cipriani non ha chiuso. ha detto che basta prendere semplici provvedimenti: impianto elettrico in alto, compensato marino per la mobilia ed i serramenti.
2019-11-15 08:50:05
oltre che anzianotto con le manie, sei prolisso. hai stancato
2019-11-14 11:58:37
A Jesolo dove la spiaggia è stata protetta da muri di sabbia il mare non ha portato via niente. Basta guardare le webcam,prevenire è meglio di curare. Chi è in grado di intendere,intenda!
2019-11-14 08:31:22
Bisogna prendere trump incarcerarlo a pane ed acqua e quando deciderà dovrà firmare i trattati di parigi sull' ambiente altrimenti di nuovo a acqua e pane
2019-11-14 07:16:33
Volendo ci sono accorgimenti vari per fermare le sabbie sulle coste.Solo che bisogna spendere ,come in montagna han dovuto investire in impianti di neve artificiale.I bacini artificiali si trattengono i detriti, ogni tantoapronole chiuse e ne esce acqua torbida:poilelditte scavatricisvuotano, riempiono camion cheportano in pianura a rimpolpare le spiagge o a mescolarsi con cemento.Basta volere.