Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Morto l'ex vescovo di Verona padre Flavio Roberto Carraro

Sabato 18 Giugno 2022
Flavio Roberto Carraro

VERONA/CONEGLIANO - È morto la scorsa notte nell'infermeria dei frati cappuccini a Conegliano, dove risiedeva dal 2017, padre Flavio Roberto Carraro, 90 anni, vescovo emerito di Verona. Lo rende noto oggi, 18 giugno 2022, il settimanale diocesano Verona Fedele. Alcuni giorni fa Carraro era stato colpito da polmonite e le sue condizioni si sono aggravate fino al decesso. Nato a Sandon di Fossò (Venezia), a dieci anni entrò nel Seminario serafico di Rovigo e sedicenne iniziò il noviziato a Bassano del Grappa. Il 15 agosto 1949 la prima professione nell'Ordine dei frati minori cappuccini e il 25 marzo 1953 nella chiesa di San Leopoldo a Padova, i voti perpetui. Fu ordinato sacerdote dal patriarca di Venezia card. Angelo Giuseppe Roncalli il 16 marzo 1957. Conseguì la licenza in Teologia spirituale alla Pontificia Università Gregoriana e quella in Sacra Scrittura al Pontificio Istituto Biblico. Fu direttore dello Studio teologico di Venezia (1966-70), rettore del Collegio internazionale San Lorenzo (1970-72), quindi vicario (1972-75) e poi provinciale della Provincia Veneta dei frati cappuccini (1975-1982). L'8 giugno 1996 papa Giovanni Paolo II lo elesse vescovo di Arezzo-Cortona-Sansepolcro.

Come motto episcopale scelse il versetto evangelico delle nozze di Cana: «Fate quello che Gesù vi dirà» (Gv 2,5). Dopo due anni, il 25 luglio 1998 il Papa lo nominò vescovo di Verona. dove fece il suo ingresso il 3 ottobre e rimase per otto anni, mantenendo il saio e facendosi sempre chiamare "padre". Conferì l'ordinazione episcopale a mons. Giuseppe Zenti, vescovo di Vittorio Veneto, che poi gli succedette sulla cattedra di San Zeno. Si ritirò dapprima nel convento annesso al santuario di Santa Maria dell'Olmo, a Thiene (Vicenza), quindi a Conegliano.

Ultimo aggiornamento: 12:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci