Martedì 12 Novembre 2019, 10:09

«Fincantieri, tutte le aziende costrette a fare regali ai manager»

«Fincantieri, tutte le aziende costrette a fare regali ai manager»

di Gianluca Amadori

«Tutte le aziende dovevano pagare per poter lavorare: in alcuni casi si trattava di versamenti mensili, in altri di una tantum. E a Natale all'interno del cantiere, a Marghera, era un via vai di furgoni carichi di costosi regali per dirigenti e funzionari». È un racconto sconcertante quello di Alì Md Suhag, il 35enne bengalese titolare della Venice Group srl, l'azienda che per anni effettuava in subappalto i lavori di carpenteria sulle grandi navi in costruzione alla Fincantieri. Dopo l'arresto per...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Fincantieri, tutte le aziende costrette a fare regali ai manager»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2019-11-13 06:56:19
Portavano regali ma si tenevano pronti a spifferare tutto? Rgali avvelenati!
2019-11-12 15:23:54
Genitori di allievo proveniente da altre usanze estere ,mi raccontarono tra una ciacola e l'altra che qui basta un mazzo di fiori , la' occorre colletta prolungata tra tutte le famiglie per monili di oro vero.Da consegnare prima degli esami con le firme di tutti i contributori. Ma tra percepitori forse nessuno ha mai studiato latino :"Timeo Danaos et dona ferentes", piuttosto "Pija , pesa, incarta e porta a casa" Forse hanno anche dimenticato la lista dei peccati che gridano vendetta oppure pensano "Non vale con Bangla"
2019-11-12 14:50:50
Le famose cassette natalizie di Fenicio.....
2019-11-12 10:59:03
E' il concetto che e' marcio. Nelle aziende serie chi accetta regali dai fornitori viene ripreso e nei casi gravi licenziato. Ma i controllori che cavolo controllano? O sono anche loro foraggiati ?
2019-11-12 10:55:01
Io continuo a ripeterlo: metà dei Dirigenti Pubblici rubano lo stipendio e anche di più. Ma lasciamoli pure questi 48miliardi di euro annui regalati a chi non serve.