Va al sit-in contro l'arrivo dei profughi con la forca: denunciato 41enne

PER APPROFONDIRE: accoglienza, denunce, forca, majano, profughi, proteste
Va al sit-in contro l'arrivo dei profughi con la forca: denunciato 41enne

di Paola Treppo

MAJANO (Udine) - Va al sit-in contro l'arrivo dei profughi con la forca: denunciato un 41enne di Majano. L'uomo, insieme a un gruppo di persone (nelle foto), ha partecipato nella serata di giovedì 24 agosto a un presidio di protesta fuori dalla sede del Comune dove era in corso un incontro per parlare dell'accoglienza, in paese, nella canonica di Comerzo, di diversi profughi.

L'uomo, L.C. le sue iniziali, 41 anni, ha raggiunto la piazza con una forca. Non l'ha usata per minacciare nessuno né l'ha agitata contro persone. Un atto simbolico, quindi, tuttavia contrario alla legge. La norma, infatti, vieta il porto di oggetti atti a offendere in luogo pubblico. Da qui la denuncia a piede libero del 41enne, da parte dei carabinieri della stazione di Majano. Il verbale di identificazione del majanese è stato postato da lui stesso su Facebook, integralmente. 
 
 


Intanto divampa la polemica
Intanto a Majano divampa la polemica. L'arrivo dei profughi nella canonica della frazione di Comerzo è confermato. L'immobile è di proprietà della Parrocchia e, a inizio anno, è stato concesso in comodato alla Caritas Diocesana di Udine. I profughi che saranno ospitati in questo immobile, oggi in stato di degrado, saranno 6. La polemica è legata alla richiesta in affitto della stessa canonica da parte di una famiglia del posto, con due figli minori a carico, con un pagamento di 350 euro al mese, perché in gravi difficoltà economiche e perché sfrattata dalla sua abitazione, da cui dovrà andarsene il 26 settembre; la famiglia, in una raccomandata l'aveva chiesta in locazione al parroco, un sacerdote del Burundi.  

La Caritas: «Tutti erano stati informati sull'arrivo dei profughi»
La Caritas Diocesana risponde dicendo che tutta la comunità era stata informata. In una nota ufficiale si legge: «In data 23 dicembre 2016 a tutte le famiglie di Comerzo, Tiveriacco e Ponteledra è stata inviata una lettera a firma del Parroco e del Consiglio Pastorale ed Economico in cui si dava conto, in maniera dettagliata, della situazione dell’immobile, e delle diverse opzioni possibili per il suo impiego, tra queste anche l’accoglienza di migranti. Ma, soprattutto, nella stessa lettera si invitava la cittadinanza a un’assemblea pubblica che si è tenuta mercoledì 11 gennaio 2017 nel Santuario di Comerzo e nel corso della quale è stato deciso di avviare le procedure per mettere a disposizione della Caritas diocesana la canonica. Quindi si è agito con il massimo della trasparenza e della condivisione».

La Caritas: «Il parroco non può fare niente»
E ancora, si legge: «Per quanto riguarda la questione della famiglia majanese a cui il cui il Parroco avrebbe negato la possibilità di usufruire della canonica, la prima precisazione da fare è che la raccomandata è sì stata inviata il 9 agosto, ma è stata recapitata soltanto il 21 agosto. Va aggiunto inoltre che a fronte di una precedente richiesta verbale, avanzata all’inizio di luglio, altre possibili soluzioni erano state prospettate, ma che la famiglia in questione ha scartato a priori. A prescindere da ciò sarebbe stato comunque impossibile per il Parroco disporre dell’immobile perché, a seguito delle decisioni prese nell’assemblea dell’11 gennaio 2017, la canonica è stata concessa alla Caritas diocesana di Udine con un contratto di comodato decennale, sottoscritto in data 19 aprile 2017. Inoltre, la ristrutturazione, è avvenuta proprio a seguito di tale contratto e a carico della Caritas diocesana».

Lo stato attuale della canonica 
Va precisato che la canonica deve essere ancora sistemata, a oggi: le stanze e gli esterni sono da pulire da cumuli di immondizia. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 26 Agosto 2017, 12:04






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Va al sit-in contro l'arrivo dei profughi con la forca: denunciato 41enne
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 28 commenti presenti
2017-08-28 18:07:26
allora i comunistoidi con falce e martello?
2017-08-27 13:35:38
si cominciano a delineare meglio i fatti a proposito della famiglia in difficolta.Reato andare in giro con attrezzo atto a offendere. Buttateli a svuotare pitali.Se sanno leggere dovevano saperlo, almeno coloro che li manovrano
2017-08-27 13:25:02
ragazzi vi dimenticate che viviamo in uno stato all'incontrario,dove hanno ragione quelli che occupano abusivamente,non i legittimi proprietari,come d'altronde il potere/parlamento occupato da costosi abusivi.D'altra parte la capitale del friuli ha un sindaco non friulano,la presidente della regione l'hanno catapultata quà da roma se non sbaglio.Speriamo che il popolo bue/friulano si svegli dal torpore in cui è caduto.
2017-08-28 18:05:52
i furlans e son sotans non lo sapeva? i friulani sono sottomessi traduzione
2017-08-30 13:54:12
I friulani SI SONO sottomessi.....e per un rinnovamento dello stadio ,grazie anche all'appoggio di pozzo,gli udinesi si sono messi a 90° a disposizione di honsell...chi e'causa del suo mal....