Va a scuola senza il velo islamico, botte dalla madre: «Ti brucio i capelli»

PER APPROFONDIRE: botte, indagati, islam, mamma, udine, velo, velo islamico
A scuola senza il velo e truccata  Botte dalla madre: «Ti brucio i capelli»

di Paola Treppo

UDINE - Picchiata dalla mamma perché non porta il velo islamico: una ragazzina di origini nordafricane, studentessa in un istituto superiore di Udine, era stata allontanata d'urgenza da casa dalla polizia di Stato dopo le percosse. Di questi giorni la notizia dell'avviso di conclusione delle indagini preliminari, indagini avviate dalla Procura della Repubblica di Udine subito dopo il fatto per l'ipotesi di reato di abuso di mezzi di correzione. Adesso la donna potrà produrre atti e documentazioni e il suo legale potrà accedere al fascicolo del pubblico ministero. In seguito sarà il gip a decidere se rinviarla o meno a giudizio. 

​I fatti risalgono alla fine dello scorso anno, tra il novembre e il dicembre 2016. La giovane, che appartiene a una famiglia di religione mussulmana, era uscita senza velo per andare a scuola e si era truccata come le sue amiche. La madre l'aveva sorpresa senza velo dopo essersi recata a scuola poco prima della fine delle lezioni e a casa, poi, che l'aveva picchiata, minacciandola anche di bruciarle i capelli; la giovane era stata spinta e trascinata a terra. Spaventata e ferita, la ragazza si era confidata il giorno dopo con gli insegnanti, terrorizzata dall'arrivo del padre, che sarebbe tornato a casa dopo qualche giorno di assenza dall'abitazione della famiglia. Temeva che il genitore potesse punirla in modo ancora più pesante.  

A quel punto la polizia di Stato, insieme ai servizi sociali del Comune di Udine, l'aveva collocata in una struttura protetta. La minore era stata prima portata in pronto soccorso dove le erano state riscontrate una ferita a un labbro della bocca, a una mano e delle contusioni sul capo e sul corpo, guaribili in tre giorni.

Sabato 30 Settembre 2017, 16:45




Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Va a scuola senza il velo islamico, botte dalla madre: «Ti brucio i capelli»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 58 commenti presenti
2017-10-01 13:58:14
Non dimentichiamo che solo il 5 settembre del 1981 sono stati abrogati in Italia, il delitto d’onore ed il matrimonio riparatore.-
2017-10-01 11:35:50
Per un certo periodo ho lavorato in negozio per un noto marchio che vende vestiti per le ragazzine....ne vedevo parecchie di islamiche che usavano i camerini per occidentalizzarsi....a volte capitava qualche mamma che entrava in negozio con figlia...a me queste mamme mi vedevano come satana o peggio...avessero potuto bruciare il negozio...e le figlie se osservavano magliette un po troppo "strette" partiva un sonoro ceffone..alche mi chiedevo cosa ci entravano a fare...tuttavia anche qualche ragazzina italiana arrivava vestita coperta e usciva con minigonne da urlo..immagino di nascosto ai genitori in quanto i vestiti se li portavano da casa negli zainetti ..non compravano...le islamiche mi dicevano che a casa le botte erano tante se mettevano jeans o simili...era il lontano 2004
2017-10-01 11:14:29
estremihi islamashi?
2017-10-01 10:35:40
Per loro siamo nell'anno 1439. Vogliamo capirlo o no che la nostra Costituzione é incompatibile con queste cose? Vedere cosa succede in Arabia Saudita.
2017-10-01 08:24:57
un chiaro esempio di integrazione. ma abbiamo bisogno di questa gente?? se ne devono stare a casa loro e basta!!!