Uccide ex moglie con un tirapugni e fidanzata con la pistola in Carinzia e fugge. Elettricista si toglie la vita fuori da un locale di Tarvisio

Sabato 6 Giugno 2020 di Redazione Udine
Duplice omicida si toglie la vita a Tarvisio
4

TARVISIO - E'  l'autore del duplice omicidio avvenuto questa mattina, sabato 6 giugno, in Carinzia Ernst Brunner il 63enne  austriaco che nella tarda mattinata si è tolto la vita sparandosi un colpo alla tempia a Tarvisio, nel piazzale antistante la trattoria  al Lepre dopo uno scontro a fuoco con la polizia italiana.


 

Duplice omicidio in Carinzia

Nella prima mattina, in Austria a poca distanza dal confine friulano con l'Italia, a Drobollach am Faaker See (comune di Villach) nei pressi di un ristorante aveva ucciso una donna, con il quale avrebbe avuto una relazione sentimentale, di 56 anni, per strada verso le ore 8.45; secondo la polizia austriaca, avrebbe sparato alcuni colpi da una Renault Kangoo di colore bianco e alla scena avrebbe assistito come testimone anche un bambino, che ha visto partire il proiettile e la donna crollare sul marciapiede.

Poco prima dell'omicidio di Drobollach, l'uomo avrebbe commesso un altro omicidio a Wernberg (distretto di Villach-Land) uccidendo l'ex moglie, una donna di 62 anni, con un tirapugni e non con un'ascia come si pensava inizialmente.

Suicidio in piazza a Tarvisio

Subito era scattato l'allarme, poiché la polizia carinziana temeva ulteriori fatti di sangue. È stato controllato l'accesso a tutti i valichi di frontiera, sono stati attivati ​​i posti di blocco sulle autostrade e il traffico è stato deviato. È stato utilizzato anche l'elicottero della polizia, ma l'uomo sarebbe riuscito a entrare in Italia dal momento che gli agenti di frontiera per parte austriaca sono soliti controllare le persone in entrata verso la Carinzia e non quelle in uscita.
Raggiunta Tarvisio, l'uomo - un elettricista austriaco conosciuto anche nel Tarvisiano - sarebbe entrato alla pizzeria al Lepre dove avrebbe bevuto un caffè conversando anche con alcuni conoscenti e intrattenendosi per circa un'ora e mezza; uscendo dal locale si sarebbe diretto all'auto  e vedendo arrivare una pattuglia della polizia di frontiera italiana, forse preso dal panico, avrebbe prima telefonata a un parente, forse la figlia, e poi esploso tre colpi di pistola : due hanno colpito la fiancata e il lunotto anteriore della vettura sulla quale era in fuga e uno alla tempia. Sul posto, oltre ai poliziotti italiani, carabinieri e militari dell'esercito in servizio in Friuli, sono intervenuti anche i colleghi e inquirenti carinziani.

La giornata in Friuli si era aperta con una sparatoria nel paese di Mortegliano, vicino a Udine, dove un uomo è rimasto ferito gravemente.

Ultimo aggiornamento: 7 Giugno, 00:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA