«Cibo avariato ai richiedenti asilo»: scatta la protesta. Ma era una fake news

PER APPROFONDIRE: cibo avariato, fake, migranti, udine
«Cibo avariato ai richiedenti asilo»: scatta la protesta. Ma era una fake news
Si diffonde sui social network la notizia - infondata - che ai richiedenti asilo ospiti di una struttura di accoglienza di Udine viene servito cibo avariato e un nutrito gruppo di loro, circa 150 persone, si raduna davanti al centro direzionale della struttura per manifestare il proprio dissenso. È accaduto ieri sera, intorno alle 23, nell'ex caserma Cavarzerani, che ora ospita il principale centro per richiedenti asilo in città. La protesta è stata sedata dall'intervento della Polizia in forze.

La Questura sta ora indagando per ricostruire responsabilità anche penali dei singoli nella vicenda. La richiesta di intervento è partita dal personale che gestisce la struttura. La Polizia è arrivata sul posto con 8 pattuglie della Questura di Udine e del Reparto Prevenzione crimine di Padova, in città per controlli sul territorio, e ha trovato circa 150 richiedenti asilo, per lo più pachistani, che protestavano. Accertato che nessuno di loro avesse accusato malori o intendesse fare ricorso alle cure dei sanitari, la Polizia ha riportato la situazione alla calma, facendo rientrare gli ospiti negli alloggi. La Questura sta ora svolgendo accertamenti per identificare compiutamente tutte le persone coinvolte e valutarne eventuali responsabilità. I reati ipotizzati sono quelli di interruzione di pubblico servizio o procurato allarme. Al momento alla Cavarzerani sono ospitati 562 richiedenti asilo, a fronte di una capienza convenzionata di 320 persone.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 16 Novembre 2018, 16:20






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Cibo avariato ai richiedenti asilo»: scatta la protesta. Ma era una fake news
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-11-16 21:44:14
Perché non si fanno da mangiare loro? E così pure le pulizie, non hanno nulla da fare in tutto il giorno, così saranno contenti, la cucina è garantita e di loro gradimento. Si risparmia così facendo, non vedo perché si debba spendere per loro più di quello che può spendere un pensionato con la minima, se c'è la fa lui dopo una vita di lavoro, possono farcela anche loro.
2018-11-16 19:33:38
Si capiva subito che era una fake news. I cibi scaduti sono riservati ai pensionati italiani che devono rovistare nei cassonetti.
2018-11-16 18:09:14
naturalmente subito tutti pronti a protestare
2018-11-16 17:11:50
La domanda sorge spontanea: che cavolo ci fanno i paki richiedenti asilo in Italia? E' una presa in giro bella e buona. Salvini intervieni perche' siamo stufi di pagare per questi furboni. Sapeter quanto e' distanto il Pakistan dall'Italia??????????????
2018-11-16 16:42:22
Giusta protesta. Sfuggiti alla guerra in Pakistan mica possono intossicarsi in italia per cibo avariato ... Ma era una fake news ? Come e' fake il loro status di rifugiati ?