«Giochi usati per i bambini italiani»: bufera sul post dell'assessore Giorgi

«Giochi usati per i bambini italiani»  Il post dell'assessore su Facebook

di E.B.

TRIESTE - Befana della discordia. Un post pubblicato su Facebook dall'assessore comunale al commercio Lorenzo Giorgi ha scatenato in queste ore il popolo social: «Ritorna la Befana! In piazza Ponterosso (dal 29/12 al 7/1) il Mercatino (promosso assieme ai commercianti stanziali) che sposa solidarietà, commercio ed educazione stradale. Raccolta di giochi usati per bambini ITALIANI meno fortunati, il rinnovo della tradizione della "Befana del vigile" ma anche musica, enogastronomia e divertimento. #sisepol». E' stato proprio quel "ITALIANI" in maiuscolo a sollevare un nuvolo di polemiche tra accuse di razzismo e parole poco gentili nei riguardi dell'esponente della Giunta di centrodestra guidata da Roberto Dipiazza. Ad intervenire con un post - sempre pubblicato sul social - anche Enrico Mentana: «Trieste è per storia e tradizione la più cosmopolita delle nostre città, è stata la terra di accoglienza per tanti, uno dei più grandi centri culturali d'Europa, il terrazzo sul mare dell'impero austroungarico prima di diventare italiana dopo la prima guerra mondiale, e poi teatro tragico della seconda (sotto l'occupazione nazista ospitò l'unico lager in terra italiana, luogo dell'uccisione di migliaia di ebrei e prigionieri politici). Nel dopoguerra è stata a lungo divisa, ed è tuttora centro di confronto e luogo di frontiera, è una città che non si può non amare, respira storia, memoria e civiltà. È ben altro orgoglio che quello per cui un assessore scrive ITALIANI in maiuscolo per farsi dire bravo da qualche invasato mentre organizza una raccolta che ha il coraggio di definire benefica. I giocattoli e i bambini non hanno nazione». 

Il post "incriminato" risulta ora rimosso. «Se ci ha ripensato gli stringo la mano» commenta sempre Mentana. L'assessore si difende chiarendo pubblicamente quanto segue: «Una associazione organizza una manifestazione che sposa enogastronomia, educazione stradale e solidarietà. L'amministrazione sostiene il progetto, così come fa con TUTTI (E RISOTTOLINEO TUTTI) quei soggetti che rinunciano al proprio tempo per dedicarlo a favore dei più sfortunati. Della solidarietà protagonista è una terza associazione, che autonomamente (come è giusto che sia) decide a chi destinare il frutto del proprio lavoro di volontariato. La stessa settimanalmente consegna a migliaia di triestini vestiario e cibo. Grazie a loro tante persone possono avere un sorriso in più». «Ritengo - conclude - che non si possa giudicare a chi fa volontariato a seconda della destinazione del frutto del suo lavoro». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 28 Dicembre 2017, 13:32






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Giochi usati per i bambini italiani»: bufera sul post dell'assessore Giorgi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2017-12-29 14:56:43
Come mai, visto come ci si organizza, altre comunita' etnico religiose non hanno imitato la Caritas o altre Onlus???Ho visto bimbi non italiani giocare a calcio per strada , ma come palline usavano le rosette di pane rimasto messe a disposizione da un negozio alla sera.Fuori negozio , in sacchetti chiusi con tanto di scontrino a zero virgola dieci per non incorrere in sanzioni...prelevavano, aprivano e gettavano a terra.I frammenti graditi a piccioni e pantegane..Se qualcuno vuole omaggiare, porti di persona scegliendo i poveri esclusi dai razzisti.
2017-12-29 10:45:36
I bambini sono semplicemente bambini. Tutti, nessuno escluso.
2017-12-28 21:50:57
L'assessore ha fatto benissimo a specificare. Ebbene sì, ci sono bambini ITALIANI POVERI che si accontentano di giochi usati. Spero che ad ognuno di questi bambini sia offerto un giocattolo e un momento di gioia. Probabilmente ai bimbi profughi extracomunitari verrà regalato un giocattolo nuovo da qualche cooperativa,associazione umanitaria, curia, servizi sociali e quant'altro. Ad ogni modo buone feste a tutti i bambini!
2017-12-28 17:44:32
Mentana puo' mettersi a fare una raccolta di giocattoli(vecchi e/o nuovi) per chi vuole lui....e se non gli va bene cosa fa un assessore o una amministrazione (per di piu' di una citta' non sua) si candidi e,se eletto in maggioranza,decida lui cosa fare.....
2017-12-28 16:47:08
Un po' ridicoli i commenti "benpensanti". Se avesse fatto una raccolta di doni "riservata" ai bimbi immigrati tutti a battere le mani. SE uno vuol "ricordare" che di bambini poveri in italia ne abbiamo milioni e che questi sarebbero ben felici di ricevere anche un giocattolo usato, le anime belle, che nascondono la polvere sotto il tappeto del politicamente corretto, si adontano. italia