Troppi uccelli sulla pista dell'aeroporto: contratto a tempo indeterminato per un "pifferaio magico"

Lunedì 7 Maggio 2018 di Mauro Favaro
9
TREVISO - Alla ricerca di un pifferaio magico capace di allontanare gli uccelli dagli aerei che decollano e atterrano all'aeroporto Canova di Treviso. Lo scalo circondato dal territorio protetto del Parco del Sile ha bisogno di un nuovo addetto al controllo e all'allontanamento della fauna, in particolare dei volatili, dall'area della pista. È questa la dicitura esatta del profilo professionale cercato da Save/AerTre, società che gestisce l'aeroporto. 

LE MANSIONI
L'addetto, per cui è pronto un contratto a tempo determinato, dovrà girare all'interno dello scalo a bordo di un mezzo dotato di impianti bio-acustici. Praticamente degli altoparlanti che emettono dei suoni in grado di disturbare gli uccelli, o anche direttamente il verso di alcuni loro predatori, inducendoli così a cambiare aria in fretta. Le richieste elencate nell'annuncio caricato sul portale dei servizi per l'impiego della Provincia (trevisolavora.it) sono estremamente precise. Il pifferaio magico degli uccelli del Canova deve essere predisposto a stare da solo anche per lunghe ore, avere buone capacità di guida, conoscere a fondo l'ambito naturalistico e ornitologico e saper comunicare in modo chiaro. Meglio se ha un titolo di studio a indirizzo biologico o naturalistico e se conosce l'inglese. Non solo. Data la mansione, si specifica che deve avere anche buone capacità visive e di udito...
 
  Ultimo aggiornamento: 8 Maggio, 11:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA