Rapinato del cellulare prima della festa, 17enne reagisce: bottigliata in testa

PER APPROFONDIRE: belluno, bottigliata, cellulare, rapina, treviso
Rapinato del cellulare prima della festa, 17enne reagisce: bottigliata in testa

di Alberto Beltrame

TREVISO - Rapinato e colpito con una bottigliata in testa prima della festa di Capodanno in piazza. Vittima di un gruppetto di malviventi, la sera di San Silvestro, un 17enne bellunese al quale un ragazzo di appena un paio d'anni più grande, un 19enne di origini marocchine, verso le 22 di domenica, ha sottratto il telefonino per poi colpirlo al termine di una colluttazione scattata quando il minorenne ha tentato di riprenderselo. La rapina e la successiva zuffa è avvenuta lungo Riviera Santa Margherita, in pieno centro storico, dove i carabinieri del Nor di Treviso, guidati dal tenente Andrea Caminiti, sono subito intervenuti bloccando il 19enne, S.L. le sue iniziali, residente a Preganziol, arrestandolo in flagrante per rapina. Anche il 17enne, in verità, passerà qualche guaio: prima dell'arrivo dei militari ha estratto una lama per difendersi e per questo è stato denunciato per porto abusivo di coltello. Al giovane bellunese, accompagnato in pronto soccorso per accertamenti, sono state diagnosticate ferite guaribili in 10 giorni...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 2 Gennaio 2018, 09:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Rapinato del cellulare prima della festa, 17enne reagisce: bottigliata in testa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-01-04 20:36:44
continuate a votare PD mi raccomando
2018-01-03 13:07:18
Tutto questo grazie ai governi di destra, lega compresa, che per anni invece che fare gli interessi del vostro paese, hanno pensato bene di fare solo i loro e questi sono i bei risultati......comunque sempre brutti posti, da evitare.......ciao enrico..ciao.
2018-01-03 14:20:15
Sei un disco rotto
2018-01-02 17:24:12
E sì megafono, qua ci sono komonisti ovunque, al Quirinale, in parlamento, nelle forze armate, scuole, ospedali, sotto i tappeti e nei tombini. Diabolica poi la mossa di fare sparire il PCI: milioni, che dico, miliardi di komonisti pensavano di mimetizzarsi facendosi passare per ex democristiani, forzaitalioti Alfaniani e magari pure forzanovisti e casapoundiani. Ma a noi non la si fa! Megafono, fai girare, che tutti sappiano. PS: tutti chi? Siamo rimasti solo noi due!
2018-01-02 16:48:57
... terra di nessuno. di tutti preda.. il difendersi diventa reato quando non si è saputo o ( voluto ) attaccare.. ora è tardi.. siamo già " tutti liberi e uguali "..