Ciclista travolto da un'auto nella nebbia: morto sul colpo, centauro perde la vita

PER APPROFONDIRE: auto, ciclista, incidente stradale, morto, moto, verona
Ciclista muore travolto da auto nella nebbia. Centauro 24enne perde la vita nel veronese
TREVISO/UDINE/VERONA - Raffica di incidenti in poche ore ha funestato la serata di venerdì complice anche la nebbia: sono 4 gli schianti con un tragico bilancio di 3 vittime (due ventenni e un uomo di 68 anni) e due feriti, uno grave. A Faè di Oderzo un ciclista è stato travolto e ucciso da un'auto. La tragedia della strada nel tardo pomeriggio di oggi in via Fossadelle di Sopra. Il giovane in sella alla sua bici, un 24enne residente nella zona, Gurpeet Singh, ha perso la vita, travolto da una Fiat Uno in transito in un tratto rellineo, ma che è poco illuminato. L'utilitaria guidata da un giovane della zona, 20 anni di Faè, procedeva in direzione di Roncadelle:  l'automobilista potrebbe essere stato ingannato anche dalla nebbia. Sul posto sono intervenuti gli infermieri del Suem 118 che non hanno potuto far nulla per il malcapitato. Pare che la vittima, di origini indiane, stesse rincasando con alcuni amici che era venuto a trovare. Regolare in Italia era arrivato da soli 6 mesi. 
 
 


Nel Vicentino poco prima, un altro ciclista, 41enne, era  stato investito da un camion a Sarcedo: è grave in ospedale, ma pare non in pericolo di vita.

In Friuli, invece, la seconda vittima: un 68enne, Eddy Monti, è morto nello schianto frontale della sua auto contro una Range Rover, ferita anche una giovane.

Infine nel Veronese l'ennesima  tragedia, avvenuta ieri sera a tarda ora, ma che si è saputa solo oggi in mattinata: Alessandro Bruno, 24 anni, veronese della frazione di Saval, è morto sulla Regionale 11 nel comune di Sona.  Diretto a Castelnuovo del Garda in sella alla sua Yamaha R6 ha visto un’auto immettersi sulla strada davanti a lui ma non ha potuto evitarla. La vettura, una Ypsilon 10 guidata da una giovane, usciva da un parcheggio laterale La frenata è stata inutile: la moto ha sbattuto contro la fiancata destra dell’auto e ha sbalzato di sella il giovane centauro che è finito contro uno dei platani che costeggiano la statale, e, insieme alla sua Yamaha, è finito  nella scarpata.

I particolari sul Gazzettino del 10 novembre 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 9 Novembre 2018, 21:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ciclista travolto da un'auto nella nebbia: morto sul colpo, centauro perde la vita
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-11-10 22:22:36
@teo_80: forse viaggiava a 150 all'ora, forse non ha fatto in tempo... i motociclisti che vedo io credono di essere in pista..ecc
2018-11-10 21:52:32
una foto alla bici del deceduto era così difficile farla?
2018-11-10 11:45:27
Dispiace, ma al supermercato di paese vedo nel reparto ferramenta sottoreparto bici: fanali a dinamo, a pila anteriori eposteriori, fasce a strap per le caviglie, e gilet fluoriflettenti, e pure caschetti.Per strada nella nebbia mi e'capitato di frenare all'apparire di ciclisti con bici nera, tuta nera con capuccio nero , senza fari e talvolta pure carnagione nera. Miracolati Loro e pure io.
2018-11-10 11:40:14
dove risiedo io (veneto orientale) ciclisti di qualsiasi nazionalità, etnia ed età accomunati da un'unica costante: la mancanza di luce e abbigliamento catarinfrangente. E poi quando (non se: quando) la disgrazia accade è sempre colpa dell'automobilista...
2018-11-10 10:41:47
Immigrati non c'e' ne uno che abbia un piccolo fanalino a batteria, sono come i motociclisti napoletani che non sanno cosa sia il casco. Colpa delle autorita' che non intendono ad applicare la legge, e si che dev'essere uguale per tutti.