Il presidente della società abusava dei baby calciatori di 9 e 10 anni

Il presidente della società abusava  dei baby calciatori di 9 e 10 anni

di Alberto Beltrame

CASTELFRANCO - Di lui si fidavano tutti. Dai ragazzini agli allenatori, dai genitori ai dirigenti. Ma di quella fiducia se ne sarebbe approfittato in più occasioni, tra gli spogliatoi e gli uffici dei campi da calcio, allungando le mani e compiendo atti sessuali con alcuni dei baby calciatori iscritti alla società di cui è factotum e presidente. Non singoli episodi, ma gesti ripetuti nel tempo che nessuno dei bambini coinvolti, di età compresa tra i 9 e i 10 anni, aveva avuto mai il coraggio di raccontare. Almeno fino a poche settimane fa quando uno di loro si è confidato con la mamma e ha descritto le violenze subite fra le mura degli impianti sportivi.


La donna si è quindi rivolta ai carabinieri che, nel giro di pochi giorni, sentiti in ambiente protetto tre ragazzini che hanno confermato di esser stati sottoposti alle stesse morbose attenzioni, hanno ottenuto un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti del responsabile, un impiegato 57enne presidente di una società calcistica giovanile di un comune della Castellana (non indicheremo il nome per tutelare l'identità delle giovani vittime, ndr). L'uomo è accusato di violenza sessuale su minori aggravata e continuata, e da mercoledì scorso è agli arresti domiciliari...


 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 6 Maggio 2018, 09:52






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il presidente della società abusava dei baby calciatori di 9 e 10 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 37 commenti presenti
2018-05-07 09:30:40
Capisco sia un argomento delicato ma datevi una calmata. C'è chi invoca pene corporee, chi si scandalizza che vi sia una legge a tutela della privacy, ecc. ecc. Esistono anche altri reati, gravi almeno come questo (es. l'omicidio) che prevedono le stesse tutele all'accusato. E se nel processo emergesse la sua innocenza? Sarebbe giusto che il suo nome rimanesse tutta la vita legato ad un'accusa tanto diffamante?
2018-05-07 09:01:15
Una persona che da 33 anni segue il settore giovanile del calcio locale, conoscendola mi sembra impossibile e assurdo, una cosa che mi prende lo stomaco. Io sono stato suo allievo e non ho mai notato o sentito parlare di atteggiamenti sconvenienti, se così fosse non avrei mandato mio figlio in quella società. Sto seguendo il caso e si parla di molestie e non di abusi sessuali, per cui prima di distruggere la vita di una persona andiamoci piano; se poi sarà appurato che è colpevole è giusto che paghi fino in fondo senza sconti.
2018-05-07 08:59:32
Una persona che da 33 anni segue il settore giovanile del calcio locale, conoscendola mi sembra impossibile e assurdo, una cosa che mi prende lo stomaco. Io sono stato suo allievo e non ho mai notato o sentito parlare di atteggiamenti sconvenienti, se così fosse non avrei mandato mio figlio in quella società. Sto seguendo il caso e si parla di molestie e non di abusi sessuali, per cui prima di distruggere la vita di una persona andiamoci piano; se poi sarà appurato che è colpevole è giusto che paghi fino in fondo senza sconti.
2018-05-07 07:58:56
Enrico2, vedi, prima devi guardarti in casa....hahahahahaahahahahahaciao enrico..ciao.
2018-05-07 07:36:08
E poi il lunedì mattino mentre ascolti il TG regionale ti dicono nome cognome del tizio e anche il paese.... misteri della privacy