Fortunale di pioggia e vento sul Delta: cadono rami ed alberi, mareggiata sul litorale

Martedì 13 Luglio 2021 di Anna Nani
Alberi abbattuti dal vento nella zona di Porto Tolle

PORTO TOLLE 

Protezione civile e Polizia locale al lavoro dopo il fortunale che si è abbattuto martedì pomeriggio sulla fascia estrema del Delta. La mattinata era iniziata uggiosa con qualche acquazzone di breve durata e intensità: una sorta di pioggia sporca, acqua e sabbia, che aveva solo aumentato l’afa. Verso le 15, invece, il maltempo ha cominciato a montare portando un temporale che in poco tempo ha creato disagi. Acque Venete ha dovuto intervenire per un danno alla condotta che porta a Pila; Enel ha provveduto a un guasto in una laterale di via Matteotti.

PRONTO INTERVENTO

Il sindaco Roberto Pizzoli ha subito attivato la Protezione civile che insieme alla Polizia locale sono intervenuti dove la perturbazione ha spezzato rami e fatto crollare alberi. In supporto è arrivata anche una camionetta dei Vigili del fuoco che ha aiutato a ripulire le strade dai rami caduti invadendo le carreggiate. «Tre i punti più colpiti: principalmente la zona del ponte di Ca’ Venier, dove, dopo un primo intervento di alcuni cittadini, sono intervenuti anche i pompieri insieme al nostro gruppo di Protezione civile, la Polizia locale e i Carabinieri – spiega Pizzoli -. È stata interessata anche la via delle Valli, quella che conduce al campo di lavanda di Ca’ Mello: a ripulirla ci hanno pensato i volontari della Protezione civile. Un altro albero è crollato lungo la stradina che conduce al piazzale della chiesa di Ca’ Tiepolo, lì ad intervenire è stata l’azienda che si occupa della gestione del verde pubblico nel nostro comune». Un temporale breve, non più di una quindicina di minuti, ma accompagnato da forti raffiche di vento che hanno fatto danni a parecchi alberi. Colpito anche un impianto di irrigazione nei pressi dei campi di erba medica che si trovano tra Pila e Boccasette. Lungo la provinciale 37, quella che collega Ca’ Venier con il lido di Boccasette, alcune balle di fieno sono state spinte dalla potenza del vento fin dentro i fossi. La preoccupazione rimane per il litorale, i gestori degli stabilimenti balneari sono non poco preoccupati per le mareggiate che si stanno alternando in queste ore. A Boccasette, il mare ha già mangiato almeno 2 metri dell’intervento di ripascimento ultimato a giugno, bisognerà attendere il passare di questa perturbazione che si preannuncia abbastanza duratura per tirare le somme. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA