Coni e Regione: contributi allo sport per 2,6 milioni, ecco come ottenerli

Martedì 11 Febbraio 2020
La sala gremita al Palazzo Coni di Rovigo per i bandi dei contributi per lo sport
ROVIGO. Sono stati presentati ieri sera in un riuscito incontro organizzato dal Coni Point di Rovigo i nuovi bandi della Regione Veneto dedicati allo sport. Nella sala Mediateca del Palazzo delle federazioni del Coni di Rovigo, in viale Porta Adige 45, si sono riunite oltre 120 persone tra amministratori pubblici, dirigenti delle società sportive polesane e rappresentanti del mondo della scuola. Tutti interessati a comprendere le modalità di accesso ai preziosi contributi regionali per il 2020.

A fare gli onori di casa il delegato provinciale del Coni, Lucio Taschin. “Insieme a tutta la struttura del Coni Veneto stiamo combattendo una battaglia affinchè lo sport sia dentro a tutte le attività che caratterizzano la nostra vita di tutti i giorni, dal sociale al turismo, dalla scuola alla cultura in genere. Per centrare questo obiettivo contributi e finanziamenti sono fondamentali – ha sottolineato il numero uno dello sport polesano, sottolineando poi la sorprendente partecipazione alla serata – Ringrazio tutti coloro che hanno deciso di partecipare a questo incontro, vedo addirittura alcuni amici arrivati da Verona e Vicenza”.

A rappresentare il Coni Veneto il presidente Gianfranco Bardelle: “Grazie al Coni Point di Rovigo per aver organizzato questo interessante appuntamento. Lo sport veneto è il secondo in Italia, merito dell’impegno concreto di sette province, tra cui anche Rovigo. Siamo l’unica regione in Italia ad avere solo 5 Comuni senza impianti sportivi. Lo sport però ha bisogno di continuo interessamento e dei finanziamenti di una Regione che comunque sta dimostrando di impegnarsi a fondo, come dimostra la recente aggiudicazione delle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina. Abbiamo bisogno di sostegno perché il nostro sport porta benessere, turismo ed economia e soprattutto guida i nostri ragazzi fuori dai problemi che caratterizzano la nostra società. Nello sport conviene sempre investire”.

L’ampia finestra dedicata alla presentazione dei nuovi bandi regionali è stata aperta dall’assessore regionale allo sport Cristiano Corazzari: “L’attività della Regione in favore dello sport si sviluppa principalmente attraverso due filoni. Il primo mira a mantenere e migliorare il patrimonio di impiantistica sportiva esistente attraverso bandi annuali, a cui in passato ha partecipato anche la provincia di Rovigo. I bandi sono destinati solo agli enti locali, fino a contributi massimi di 50.000 euro; ci sono però anche contributi fuori bando destinati a soggetti privati. Il secondo filone è dedicato alla promozione della pratica sportiva e ad esso per il 2020 abbiamo destinato quattro ulteriori bandi”.

Queste ultime quattro opportunità di contributo sono state illustrate del dettaglio da Sandro Perini, funzionario della Regione Veneto. I bandi affondano le radici nella legge regionale n.46 del 25 novembre 2019 “Bilancio di previsione 2020-2022”, che ha rifinanziato le attività facenti capo alla legge regionale dello sport (n. 8/2015) per un importo complessivo di 2.600.000 euro. Di questi, 800.000 euro saranno destinati all’incentivazione della pratica motoria e sportiva attraverso i suddetti bandi, mentre 1.800.000 euro saranno utilizzati per interventi di spesa finalizzati al miglioramento dell’impiantistica sportiva. I bandi disponibili spaziano tra il sostegno alla pratica sportiva, anche degli atleti con disabilità, l’organizzazione di eventi e il supporto al mondo scolastico.

Il primo mette sul piatto un contributo totale di 200.000 euro per la promozione della pratica sportiva attraverso l’organizzazione di corsi di avviamento all’attività motoria e sportiva, con l’intento di favorire lo sport “di base”. Le Asd e Ssd, con sede in Veneto e costituite da almeno due anni, che faranno domanda potranno ottenere aiuti minimi di 500 euro e massimi di 1.500 per l’organizzazione di corsi dedicati ai ragazzi dai 6 ai 18 anni. Termine per presentare le domande il 24 febbraio 2020.

Un secondo bando, pianificato in collaborazione con il Cip Veneto, mira alla concessione di contributi per la promozione della pratica sportiva a favore di atleti con disabilità. A disposizione 200.000 euro per il solo 2020. Contributo minimo 300 euro, massimo 15.000 euro, per l’acquisto di materiale sportivo, accesso agli impianti, trasporto atleti, iscrizioni a tornei e tante altre attività legate agli atleti con disabilità. Anche in questo caso domande entro e non oltre il 24 febbraio 2020.

La Regione Veneto destinerà altri 250.000 euro alle proposte progettuali per l’organizzazione di eventi sportivi che diano visibilità, creino valore, mobilitino persone, favoriscano l’emergere dell’intelligenza collettiva e la condivisione di conoscenze, nonché la scoperta di nuovi talenti. Domande entro il 2 marzo.

Infine, attraverso il progetto “Scuola & Sport” sarà promossa la pratica sportiva in ambito scolastico per una cifra complessiva di 115.000 euro. Altri 35.000 euro saranno utilizzati per riproporre il progetto “Carta etica a fumetti” per favorire la divulgazione dei principi contenuti nella Carta etica dello sport veneto.

I testi completi dei bandi sono disponibili e scaricabili nel sito della Regione Veneto. Ultimo aggiornamento: 20:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci