Aggressione al vicesindaco con un vetro rotto: «Ero davanti alla gelateria quando quell'uomo è arrivato»

Domenica 4 Luglio 2021
Andrea Grassetto. Aggressione al vicesindaco con un vetro rotto
2

PETTORAZZA (ROVIGO) - «Sono uscito di casa con la mia compagna e ci siamo recati a mangiare un gelato a Rovigo. Mentre stavamo assaporando le prime cucchiaiate, fuori dalla gelateria di piazzale Caffarati, nel locale è entrata uno straniero che brandiva un collo di bottiglia». Brutta avventura, venerdì per Andrea Grassetto, esponente di Fratelli d'Italia e vicesindaco di Pettorazza Grimani aggredito e costretto a ricorrere alle cure del pronto soccorso. Secondo Grassetto, l'uomo che lo ha aggredito farneticava. «Ero seduto su una panchina all'esterno della gelateria - commenta - e d'istinto, per evitare che il soggetto potesse fare male ad altre persone, tra cui bambini e ragazzi, l'ho invitato verbalmente a uscire». A questo punto l'altro l'avrebbe puntato tirandogli due fendenti con la bottiglia rotta.


ARRESTO E DIRETTISSIMA
Ricevuta la segnalazione di un cittadino nigeriano aggressivo, irregolare sul territorio italiano, che brandiva un collo di bottiglia, le volanti della Questura sono intervenute in piazzale Caffarati, dietro le Poste centrali di Rovigo. All'arrivo della Polizia, però, questi si stava spostando verso piazza Matteotti. Alla vista degli agenti è diventato minaccioso tornando ad agitare il vetro tagliente.
Gli agenti sono riusciti a fargli gettare a terra la bottiglia, ma alla richiesta di documenti si è nuovamente scagliato contro di loro che alla fine lo hanno contenuto e messo in sicurezza. O.B., 21 enne nigeriano irregolare e pluripregiudicato è stato infine arrestato per aggressione aggravata e resistenza a pubblico ufficiale. Arresto convalidato ieri mattina in direttissima dal tribunale di Rovigo che ha emesso anche un divieto di dimora a Rovigo. L'udienza è fissata per il 21 luglio. Dall'identificazione è emerso inoltre che il 21 giugno scorso il giovane si era reso protagonista di un fatto analogo di resistenza a pubblico ufficiale durante un controllo lungo la pista ciclabile Baden Powell solo che in quell'occasione era stato denunciato a piede libero.


BRUTTA AVVENTURA
«Grazie a Dio - sottolinea Grassetto - e a un po' di esperienza maturata nei servizi d'ordine ai concerti e manifestazioni, con la mano destra sono riuscito a deviare il primo colpo, ferendomi leggermente. Spostando indietro il busto, ho mandato a vuoto il secondo tentativo dell'esagitato, che mi ha lacerato solo la polo, e un po' il bicipite destro. Ringrazio quanti mi hanno prestato i primi soccorsi e in particolare una guardia giurata, non in servizio, che ha prontamente e con esperienza, segnalato il malintenzionato al 113 permettendo agli agenti della Polizia di Stato d'arrestarlo».
G.Fra.
R.Pau.

 

Ultimo aggiornamento: 18:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA