L'ordine ai candidati M5s: fango sui rivali. ​«Trovate nefandezze e foto imbarazzanti»

L'ordine ai M5s: fango sui rivali  «Nefandezze e foto imbarazzanti»

di Alda Vanzan

Una macchina del fango. Così il Movimento 5 Stelle in Veneto ha deciso di impostare la campagna elettorale per le elezioni politiche del 4 marzo. Gli avversari, di qualsiasi schieramento, dovranno essere fatti a pezzi. Di ciascuno dovrà essere tirato fuori “tutto il peggio che si può tirar fuori”. Dovranno essere trovate “nefandezze”. “Foto imbarazzanti”. Insomma, “tutto quello che può servire a fare campagna negativa su di loro”. Così dice la direttiva impartita da Ferdinando Garavello, responsabile della comunicazione in Veneto del Movimento guidato da Luigi Di Maio, ai 56 candidati alla Camera e al Senato. Che, alla richiesta di spiegazioni, risponde così: «È un’operazione trasparenza».



E pensare che nel 2014 il cofondatore del Movimento, Gianroberto Casaleggio, si era scagliato contro “i professionisti del fango” che “stanno preparando dossier su di me e la mia famiglia prima delle europee” e li aveva invitati “a non perdere il loro tempo”. Tant’è, adesso a lavorare di dossieraggi e pronti a spalare veleni contro gli avversari sono proprio i candidati pentastellati...



 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 2 Febbraio 2018, 06:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
L'ordine ai candidati M5s: fango sui rivali. ​«Trovate nefandezze e foto imbarazzanti»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 176 commenti presenti
2018-02-03 18:46:19
egregio signor Fiocchi,i nomi di spessore nella politica continua a non farli e non nego che fuori della politica ci siano, ma io parlo di politici validi e non ne vedo se non gruppi di armate Brancaleone che impazzano in tv pensando che il popolo italiano sia un popolo di deficienti smemorati, ho 62 anni e sto puntando tutto sui giovani del M5S perché io credo siano gli unici che possono provare a cambiare la situazione da lei descritta. quando avevo 18 anni ho puntato tutto su un giovane, ed ora posso dirmi bravo di essermi fidato di quel giovane che mi ha dato molte soddisfazioni, quel giovane ero io,inesperto ma con una grinta che ora a sessantadue anni e' ancora uguale, non si preoccupi la mia visione di lavoro e di futuro nonostante l'eta' e'sempre di almeno 5 anni avanti pertanto le sorti della mia attivita' sono sempre io a deciderle perché dalla politica non voglio e non mi aspetto nessun aiuto ,quello che voglio e' solo un po' di pulizia,onestà,e che le tante tasse che pago siano ben gestite.
2018-02-03 09:01:25
Caro Fiocchi, almeno in vita sua Di Maio ha lavorato...cosa ha fatto il suo amico Renzi?
2018-02-03 08:44:23
Nullafacenti sinistri invidiosi! Conosco una decina di votanti grillini della mia zona..hanno tutti queste caratteristiche.
2018-02-03 12:07:18
Mi sembra più l'identikit dei legaioli duri e puri.
2018-02-03 08:12:40
Nell'antica Roma in prossimità delle elezioni Cicerone Junior suggerisce al fratello Marco Tullio: “ Sii generoso nelle promesse, il popolo gradisce più la falsa promessa al rifiuto di un'opera difficilmente realizzabile. Cerca di screditare il tuo avversario per atti immorali, concussione ed altro. Avrei dei sicuri seguaci” Nulla di nuovo ai nostri giorni...