Veneto, persi 15-20mila posti di lavoro dipendente dal decreto del 23 febbraio

Giovedì 26 Marzo 2020
1
VENEZIA - Dall'entrata in vigore del primo provvedimento restrittivo per contrastare la pandemia da Coronavirus, il 23 febbraio, il Veneto ha già perso dai 15 ai 20 mila posti di lavoro. Il dato arriva da Veneto Lavoro, l'ente strumentale della Regione Veneto che ha monitorato sull'impatto occupazionale dell'emergenza Covid-19 in Veneto.

Aziende, da domani via alle domande per la cassa integrazione in deroga

Tra il 23 febbraio 2020, giorno in cui sono entrate in vigore le prime misure di contenimento alla diffusione del coronavirus, e il 22 marzo 2020, si è registrato in Veneto un calo dell'occupazione stimabile in circa 15-20 mila posti di lavoro dipendente, corrispondenti allo 0,7-0,8% dell'occupazione dipendente complessiva: la frenata è dettata principalmente dal calo delle assunzioni, -35% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il rallentamento della crescita occupazionale era già in atto da tempo, ma ha subito una vistosa e progressiva accelerazione proprio dopo il 23 febbraio. 
Ultimo aggiornamento: 27 Marzo, 18:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA