Autonomia, accolte le obiezioni venete. Zaia: ora la bozza è firmabile

Luca Zaia e Roberto Maroni

di Alvise Fontanella

 VENEZIA - «Firmabile». Luca Zaia accoglie con soddisfazione la nuova bozza, appena inviata da Roma, dell'intesa tra lo Stato e il Veneto sui  nuovi poteri della Regione. «Se la direzione è quella di avere accolte le nostre istanze, dico che la bozza è firmabile».  La prima bozza, che il sottosegretario Gianclaudio Bressa aveva inviato anche a Lombardia ed Emilia Romagna, aveva ricevuto pesanti critiche da Zaia.

Prima di tutto, a Zaia non sta bene che la stessa bozza sia stata inviata a tre Regioni. La Costituzione vigente infatti prevede un'autonomia differenziata, oggetto di trattativa tra ogni singola Regione e lo Stato, modellata sulle esigenze di ciascuna Regione, non un modello di autonomia uguale per tutti. Infatti il Veneto, a differenza delle altre Regioni, ha chiesto tutte e 23 le materie che la Costituzione prevede possano essere attribuite alle Regioni che le chiedano, e quindi, osservava Zaia,
«la previsione di un modello di autonomia uguale per tutti contraddice il dettato costituzionale» e non tiene conto delle peculiari esigenze di autonomia di una Regione come il Veneto.

Il secondo fronte aperto da Zaia è quello dei fondi. La Costituzione prevede che lo Stato, insieme alle competenze, trasferisca per intero, alle Regioni, le quote di gettito erariale finora utilizzate per gestire quelle materie. Quote di Irpef e di Iva, insomma, che devono restare in Regione. Mentre la prima bozza ricevuta da Roma insisteva con il modello anni Settanta dei trasferimenti statali, cioè con le tasse che vengono incassate tutte dallo Stato il quale poi gira i fondi alle Regioni secondo il famigerato criterio della "spesa storica": che significa che le Regioni sprecone potranno contare ancora su trasferimenti consistenti, mentre le Regioni ben gestite vengono "punite" con trasferimenti inferiori. Zaia ha proposto che, per ciascuna competenza trasferita, i fondi vengano stimati in base al fabbisogno standard medio nazionale, in modo che poi le Regioni siano spinte alla maggiore efficienza possibile, e i risparmi vadano a vantaggio dei propri cittadini.

La nuova bozza "apre" alle posizioni di Zaia, sia sulla compartecipazione della Regione ai tributi erariali, sia sull'abbandono del criterio della spesa storica. E il governatore lo riconosce: «Buona parte delle osservazioni sono state accolte, adesso stiamo valutando nel dettaglio, dobbiamo lasciar tempo ai professori della delegazione trattante del Veneto di esprimere il loro giudizio. Ma diciamo che non siamo più a metà del guado, siamo un po' più verso riva», ha detto ancora Zaia. «La spesa storica se n'è andata - ha spiegato -, quindi vuol dire che il lavoro è stato fatto». «La compartecipazione su più tributi c'è, ci sono altri aspetti da approfondire» ha aggiunto Zaia sottolineando che «dopo le elezioni ripresenteremo ovviamente queste istanze, visto e considerato che il percorso dell'autonomia è lungo e impegnativo». «Certo è che non faremo sconti a nessuno» ha concluso il presidente del Veneto.

Il presidente della Lombardia, Roberto Maroni, ha riconosciuto il ruolo di punta svolto da Luca Zaia e dal Veneto nella trattativa con Roma: 
«Grazie a Luca il testo è molto migliorato. Adesso c'è la compartecipazione a uno o più tributi erariali e c'è la fine del sistema dei trasferimenti statali, vuol dire che una percentuale dei tributi resta qua. E poi ci sono i fabbisogni standard calcolati su base nazionale».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 13 Febbraio 2018, 15:52






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Autonomia, accolte le obiezioni venete. Zaia: ora la bozza è firmabile
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 35 commenti presenti
2018-02-17 12:44:13
Indipendenza subito o, eroici coraggiosi pensionati leoni marciani da tastiera in testa, sarà la rivoluzione del forum. Armiamoci e partite, se avanzate vi seguo se mi ritiro seguitemi....
2018-02-16 10:00:05
Un refrain: rattaplì e rattaplà… Se la suonano e ce la suonano… Tutti i milioni buttati al vento, che nessuno restituerà… Aboliamo le regioni (ordinarie, autonome, speciali)
2018-02-16 14:17:17
Perche' continuare a tenere in vita questo Stato chiamato Italia, e solo un accanimento terapeutico, ormai non ci sono piu' speranze in una sua ripresa, e meglio staccare la spina per evitargli inutili sofferenze.
2018-02-15 14:57:45
sudtiroler ho pagato un sondaggio ed è risultato che....er meio so mi! Credibile vero?
2018-02-15 17:00:35
I sondaggi vanno sempre pagati, chi li fa non lavora certamente gratis, forse lei questo non lo sapeva.