Dopo il vertice notturno, Salvini: «Una corsia veloce per l'autonomia»

Incontro al Viminale tra il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini e i governatori di Lombardia e Veneto, Attilio Fontana e Luca Zaia
ROMA - Investimenti, decreto sblocca cantieri e autonomia regionale. Questi i temi di cui si è discusso ieri sera nel vertice a cena tra il premier Giuseppe Conte e i vice Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Secondo fonti di Palazzo Chigi, l'incontro sarebbe stato «cordiale» e sarebbe servito anche per fare il punto economico dell'agenda di governo. Dopo l'incontro a tre fra premier e vice si parla di una «corsia veloce per l'autonomia» e fanno trapelare «soddisfazione».

Il vertice è stato preceduto dalla riunione nel pomeriggio al Viminale dei governatori del Veneto Luca Zaia e della Lombardia Attilio Fontana , convocati con il ministro Stefani, da Salvini. Una riunione politica, tutta interna alla Lega, per riportare l'autonomia in cima all'agenda politica. La decisione assunta è che entro la settimana le Regioni - compresa l'Emilia Romagna - consegneranno a Salvini le rispettive bozze di intesa con i punti critici, quelli sui quali si è trovato il muro dei ministeri a guida M5s. Un documento di sintesi finale che fotograferà lo stato dell'arte sulle procedure di autonomia avviate da Lombardia, Veneto e Emilia Romagna. E con quello Salvini andrà da Conte e Di Maio. 

LA SINTESI FINALE - «Entro questa settimana il vicepresidente e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, riceverà un documento di sintesi finale. Lo discuterà con il premier Giuseppe Conte e il vicepremier Luigi Di Maio». L'indicazione emerge al termine dell'incontro al Viminale tra Salvini, il ministro degli Affari regionali, Erika Stefani, e i governatori di Lombardia e Veneto, Attilio Fontana e Luca Zaia sul dossier dell'autonomia rafforzata. Le bozze d'intesa sull'autonomia differenziate, saranno comprensive dei punti critici sui quali non si è raggiunta ancora l'intesa con i ministeri, tutti a guida dei 5 stelle. Una volta ricevuti i documenti, Salvini si farà carico di affrontare politicamente la questione con Conte e Di Maio. La notizia imprime una brusca accelerazione a un'andatura che in questi giorni pareva essere in stallo, soprattutto dopo il posticipo del 15 febbraio. Non è un caso poi, secondo molti addetti ai lavori, che la novità sia arrivata dopo un incontro al Ministero dell'Interno, tutto in chiave leghista, a cui hanno preso parte Salvini, il ministro degli Affari Regionali Erika Stefani e i governatori di Lombardia e Veneto, Attilio Fontana e Luca Zaia.

IL PASSAGGIO IN PARLAMENTO  In mattinata il ministro Stefani, durante un'audizione in Commissione bicamerale per gli Affari Regionali, è tornata a chiarire che «il tema centrale nelle modalità di approvazione dell'intesa riguarda il rapporto con il Parlamento». A questo punto, ha sottolineato, «la questione che si pone di fronte a noi è con quale modalità possa essere coinvolto il Parlamento nella formazione dell'atto, e prima che lo stesso sia sottoposto all'intesa, in modo da garantire una partecipazione consapevole e responsabile delle assemblee legislative». Il tutto non senza tornare sulla salvaguardia delle prestazioni in tutto il Paese, «che sarà mio obiettivo salvaguardare nel percorso relativo all'applicazione dell'articolo 116 terzo comma della Costituzione».

DE LUCA SUL PIEDE DI GUERRA - PRONTI A VIETNAM ISTITUZIONALE Diversi i toni del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che si dice convinto che l'autonomia differenziata non favorirà una migliore gestione delle risorse, almeno per chi ne è sprovvisto. «Ci sono fatti gravi, come il primo accordo tra il Veneto e il governo che prevedeva che il calcolo dei fabbisogni standard avvenisse anche in relazione al reddito delle regioni di provenienza. Altri esempi: nella bozza del febbraio 2018 c'era l'idea che se aumenta l'Iva il gettito in più resta nella Regione da cui arriva». Anche per questo, ha avvisato, «siamo pronti a mettere in piedi un Vietnam istituzionale e costituzionale a ogni passaggio sull'autonomia differenziata, che sarà oggetto di valutazione della Corte Costituzionale». Cauto il presidente dell'Ordine dei Medici Filippo Anelli, per il quale «se l'autonomia significa provare a trovare flessibilità e dare efficienza, sicuramente rappresenta una buona risposta; se significa invece frantumare il servizio sanitario nazionale in tanti servizi regionali allora torniamo indietro nella storia».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 28 Febbraio 2019, 00:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Dopo il vertice notturno, Salvini: «Una corsia veloce per l'autonomia»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 18 commenti presenti
2019-03-01 08:12:34
Una corsia veloce. Si la terza corsia della A4 con tutti i veleni sotterrati...
2019-02-28 12:28:00
è ora che stacchino la spina. o si fà autonomia o mandiamo a casa i 5 stelle che alle prossime elezioni prenderanno solo i voti di quelli a cui hanno regalato soldi con il reddito di cittadinanza, e se ne staranno belli freschi sul divano a fumare e bere birra alla faccia del nord che li paga.
2019-02-28 11:24:21
Tutte chiacchiere di carnevale fritte con l'aria.....
2019-02-28 11:10:17
Il comitato per l’abolizione di tutte le Regioni, farà cortese richiesta quest’anno alla Regione del Veneto di 14 milioni di euro, e alla Regione della Lombardia di 50 milioni di euro (sempre da attingere ai soldi pubblici), per indire una consultazione d’opinione, con un quesito ugualmente vago come lo fu quello prodottosi nel 2017. Però, questa volta, pregnante di contenuto e così formulato: «volete voi abolire tutte le Regioni (ordinarie, autonome, speciali) senza SE e senza MA?». Siamo certi che questa nostra richiesta democratica godrà dell’uguale considerazione con la quale è stata prodotta la precedente, e verrà pubblicizzata ugualmente a tambur battente dai media a reti unificate 24h/24h. I risultati, non possono esserci dubbi, saranno ben più corposi di quelli ben magri della consultazione d’opinione del 2017… Chi vuole si aggreghi fin da subito a questa importante iniziativa che produrrà enormi risultati economici in senso positivo per tutto il Paese…
2019-02-28 10:52:03
Mi fido di Zaia/Salvini. Stavolta si fà. Specie Zaia si è giocato tutta la ventennale carriera sull'autonomia. Per mè arriva.