Truffati dall'ex tronista Filippin, in aula sfilano le vittime

Sabato 19 Novembre 2022 di Susanna Salvador
Paolo Marco Filippin
2

Dentro l'aula di tribunale l'udienza del processo che lo vede imputato per truffa. Fuori, invece, si accavallano tra rabbia, senso di impotenza e desiderio di giustizia le storie di una decina delle 57 vittime che secondo il procuratore Raffaele Tito è stata messa in piedi dall’ex tronista di “Uomini e donne” Paolo Marco Filippin, il 58 anni di Artegna che in molti cercano, ma nessuno tra le presunte vittime riesce a trovare.  Discorso diverso per la giustizia: Filippin è rappresentato dall'avvocato avvocato Lorenzo Magnarelli che più volte ha contestato le ipotesi di reato. «Desta sensazione - afferma il suo legale, l’ avvocato Lorenzo Magnarelli - come l’ipotesi che caratterizza il processo a carico del mio assistito sia trattata a livello mediatico soltanto dalla prospettiva civilistica evidenziata dai soggetti intervenuti nelle varie trame contrattuali che si pongono». Secondo il legale, la ricostruzione giuridica svelerebbe «un’essenza totalmente diversa».

Ieri mattina erano davanti all’aula del tribunale in attesa di essere chiamati a testimoniare davanti al giudici Pergola, Granata e Vortali. Uomini e donne accomunati dalla sfortuna di aver incontrato un venditore che, dopo aver incassato migliaia di euro, è sparito senza onorare gli ordini, lasciandoli increduli e infuriati. Chiacchierano tra loro, chiedono che la loro storia non finisca in un dimenticatoio e alternano parole di sconforto ad altre dove ancora si fa strada la speranza di poter ottenere qualcosa.


LE TESTIMONIANZE


Quanto è accaduto a Michela Pompeo è ignobile. La donna che vive a Conegliano lo getta fuori con parole che tradiscono tanta rabbia per essere stata gabbata da una persona che i mobili li metteva in mostra con tanto di stand ad Arredamont, nota fiera del settore di Longarone. «Come pure in un grande e lussuoso show-room a Trieste», ricorda la pordenonese Paola Fioretti, che non ha più visto i suoi 5mila euro e nemmeno la sua cucina. Michela Pompeo invece ha versato quasi tutto il suo Tfr, esattamente 32mila euro più Iva, per arredare parte di una casa avuta in eredità con la sorella. «Un obiettivo per me molto importante - racconta la donna - perchè in quell’abitazione doveva andare a vivere mio figlio che ha una grave disabilità». E mentre parla gli occhi sottolineano quanto le è costato non solo in termini economici quel sogno infranto in modo così spregevole.


LE VITTIME


Ma davanti all’aula c’erano anche padre, madre e figlia di pochi mesi che, in attesa di essere chiamata a testimoniare, Linda Zorzi, giovane mamma di Treviso, ha allattato. Lei ci ha rimesso duemila euro, ovvero la caparra per una cucina, spiega sempre fuori dall'aula. Parole che non potranno essere quindi tenute in considerazione dai magistrati. «Siamo stati contattati da una segretaria di Filippin - afferma il marito - poi lo stesso venditore è venuto a casa nostra». E la stessa cifra ha versato, per poi non vedere nulla di quanto ordinato, Sebastian Mihalache di Zoppola, sguardo perso e un po’ spaesato di chi ancora non crede a quanto gli è accaduto. Di soldi, purtroppo, ne ha visti sparire molti di più il bellunese Giorgio Zannol, 9mila euro, che chiede «solo giustizia. Quella sì». C’è anche Alberto Fellet di Santa Lucia di Piave: «Ho pagato 6.600 euro (caparra) per salotto e camera. Dovevano arredare la casa in cui sarei andato a vivere con la mia compagna. Ma i mobili non sono mai arrivati e la nostra convivenza ha dovuto attendere altri due anni».


IL PROCESSO


Filippin secondo le ipotesi di accusa è il protagonista di un raggiro che ha mietuto 57 vittime. Persone che hanno versato caparre per mobili di vario titpo che non sono mai stati consegnati. L’ex tronista è chiamato a rispondere anche per il fallimento della sua società, la Fabbriche riunite srl di Brugnera.

LA REPLICA

La difesa dell'ex tronista nel frattempo ha annunciato una richiesta di rettifica che sarà nostra cura pubblicare.

Ultimo aggiornamento: 20 Novembre, 11:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci