Venerdì 15 Febbraio 2019, 12:53

Il negoziato. Tagli sugli ospedali, a rischio tutti i reparti

PER APPROFONDIRE: fvg, ospedali, tagli
Il negoziato. Tagli sugli ospedali, a rischio tutti i reparti

di Davide Lisetto


Tagli sugli ospedali a rischio tutti i reparti
MANNAIA SULLA SALUTE
PORDENONE - Ancora è una partita tutta in salita, ma nel negoziato che ci sarà nelle prossime settimane tra la Regione e le Aziende sanitarie potrebbe aprirsi qualche spiraglio per Pordenone. I tagli che l'assessorato regionale alla Salute impone alle singole Aziende sanitarie territoriali potrebbe anche non essere lineare. Nel senso che potrebbe passare la linea secondo la quale chi ha risparmiato di più nell'ultima gestione finanziaria - quella di riferimento è del 2017 - dovrà tagliare di meno nel 2029. Insomma, quell'uno per cento di sforbiciata alla voce personale per l'Azienda 5 potrebbe anche essere diversificato. D'altra parte la sanità pordenonese è l'unica che nel panorama regionale ha chiuso il bilancio 207 in attivo con tre milioni e 400 mila euro di avanzo. Tutte le altre Aziende territoriali del Fvg hanno chiuso in perdita.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il negoziato. Tagli sugli ospedali, a rischio tutti i reparti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-02-17 07:02:21
Bravi , tagliate! E mantenete i neri!
2019-02-16 10:50:05
Chi ci guadagnera' saranno solo i ricchi che potranno pagarsi visite e degenze private! Vergogna!
2019-02-15 14:58:50
Strano che un'azienda pubblica chiuda in avanzo e che un quotidiano se ne faccia anche vanto! Di solito gli enti pubblici dovrebbero chiudere in pareggio per dire di aver utilizzato in modo ottimale le risorse economico/finanziarie. E' questo il segnale, per chi mastica un attimo di bilanci della PP.AA e non si lascia suggestionare dai mediocri politicanti regionali, che i soldi pubblici sono stati male impiegati dato che, appunto, sono avanzati. Avanti così Pordenone, avanti con la propaganda fine a se stessa!