Addio Maria Bottecchia, leggenda del volley liventino

Mercoledì 25 Novembre 2020
​Addio Maria Bottecchia, leggenda del volley liventino

SACILE - Sacile rende omaggio a una delle sue stelle più fulgide: è morta ( lunedì il funerale) Maria Bottecchia, 73 anni, storica atleta della mitica squadra femminile di pallavolo Casagrande che, negli anni '70 conquistò la serie A imponendosi a livello nazionale. Il sodalizio sportivo era nato quasi per caso grazie a un gruppo di adolescenti sacilesi che, a partire dagli anni Sessanta, cominciò a giocare nel campetto delle suore. A poco a poco le giovani atlete cominciarono a mietere vittorie. Di quella squadra Maria Bottecchia fu, per un periodo, la capitana. Come ogni leggenda amava raccontare episodi e aneddoti di quegli anni magici di successi e faticose trasferte.


LO STOP

Maria, donna solare e semplice, dovette poi lasciare, a malincuore l'attività sportiva (all'epoca non retribuita) per motivi di lavoro essendo nel frattempo stata assunta nello studio Mazzucco. Dopo il matrimonio e la nascita della figlia Silvia, musicista sacilese molto apprezzata, Maria accettò un incarico come ausiliaria all'Istituo Pujati di Sacile dove ha lavorato fino alla pensione. Da allora Maria si è dedicata alla casa e ai suoi cari conservando l'allegria, la bonaria ironia e la semplicità che la hanno sempre contraddistinta e resa cara ai sacilesi. Figlia di Milio dea benzina, Maria da anni conviveva con una grave malattia polmonare che la costringeva a una vita ritirata ma che non le ha mai rubato il sorriso. In molti la ricordano quando, in occasione di qualche rara uscita per raggiungere il vicino supermercato o il giornalaio, non mancava mai di regalare una battuta arguta e un caloroso saluto.


IL CALVARIO

L'ultimo mese di vita è stato segnato da frequenti ricoveri in ospedale a Pordenone dove con la simpatia aveva conquistato il personale. La capitana l'ultima partita non è però riuscita a vincerla. La ricorda con dolcezza la figlia Silvia che, ci tiene a sottolineare: «Pur risultando ultimamente positiva al coronavirus la mamma è morta con e non di Covid. A strapparla al nostro affetto - conclude - è stata la patologia di cui soffriva da diversi anni». Maria lascia, oltre alla figlia Silvia e al marito Bruno, il fratello Giovanni e il nipote Matteo Bottecchia, esponente di spicco della Lega.
Daniela Pillon
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA