Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Recluso fra l'immondizia e denutrito, liberato il gattino Calimero, denunciata la padrona

Lunedì 20 Giugno 2022 di Alberto Comisso
Il gattino Calimero costretto a vivere nel degrado totale tra feci ed uccelli morti
2

PORDENONE - Recluso nel degrado. Un giovane gatto nero è stato liberato e posto sotto "tutela" dalle guardie zoofile dell’Oipa. Era denutrito e barcollante, chiuso in una casa con finestre e balconi serrati. Un’abitazione in pieno degrado e abbandono con carcasse di uccelli, nelle gabbie, in stato di decomposizione. Il gattino aveva a disposizione una tazza con pochissima acqua, di colore verde, e la lettiera era colma di feci mai raccolte da giorni.

Calimero, questo il nome dato dagli agenti dell’Oipa al micio, è stato sequestrato e la proprietaria denunciata alla Procura di Pordenone. All’arrivo degli operatori dell’Oipa la stessa ha dichiarato che, a suo dire, il gattino stava bene.

"L’abitazione della signora, fatiscente, sporca, piena di escrementi e uccelli in gabbia morti - ha raccontato Maria Laura D’Amore, coordinatrice del nucleo delle guardie zoofile dell’Oipa di Pordenone e provincia - parla di una situazione di grave disagio, come spesso accade a chi detiene animali in condizioni di abuso e maltrattamento".

Calimero si trova ora nella casa di un affidatario giudiziale, ha preso peso e le sue condizioni fisiche sono migliorate.

 

Ultimo aggiornamento: 21 Giugno, 09:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci