Ancora balli "proibiti" a Roveredo in Piano, il questore chiude un altro locale

Sabato 31 Luglio 2021 di Redazione
Una volante della Questura

PORDENONE - Nell’ambito dei servizi di vigilanza e controllo sul rispetto delle norme in materia di Covid-19, disposti dalla Questura di Pordenone, nella serata di venerdì 30, verso le ore 23, è stato effettuato un controllo presso il locale “Carnoso Garden & Grill”, a in Roveredo in Piano (PN). Il personale operante, in un’area aperta e recintata, ha riscontrato essere presenti circa 150 persone sedute ai tavoli ed una ventina di queste, erano intente a ballare, a distanza ravvicinata e senza dispositivi di protezione, davanti ad un palco rialzato, ove era stata collocata una postazione con D.J. dalla quale veniva diffusa musica ad alto volume. Una volta all’interno, gli agenti hanno avutp modo di notare anche una decina di ragazze in body aggirarsi tra i tavoli ed alcune sulla pedana a ballare che, alla vista dei poliziotti, si sono allontanate precipitosamente. Nel prosieguo dell’attività è stato accertato come il D.J., qualificatosi per libero professionista, avesse assunto un atteggiamento di insofferenza e di polemica verso gli operatori, situazione videoripresa e documentata da personale della Polizia Scientifica del Gabinetto Provinciale della Questura di Pordenone. In ordine alle ragazze in body, notate all’interno del locale, il titolare ha riferito che le stesse erano state ingaggiate per una non meglio specificata attività di intrattenimento, tramite un loro agente, che è stato, anch’esso,  identificato sul posto. Essendo stata, quindi, riscontrata la violazione della normativa anticovid, si è proceduto alla chiusura provvisoria per cinque giorni.

LE INDAGINI

Il Questore della Provincia di Pordenone Marco Odorisio ha così avviato, attraverso l’Ufficio Polizia Amministrativa e Sicurezza – U.P.A.S. della Questura ulteriori approfondimenti ed accertamenti, in ordine alle autorizzazioni e licenze del pubblico esercizio, al fine di valutare eventuali ulteriori profili di interesse, in quanto, come documentato e registrato dalla Polizia Scientifica, consapevolmente si stava svolgendo una serata danzante con il D.J. dalla consolle nel dire alle persone che stavano ballando, anche se non andava bene, se composte “la facciamo andare bene”.

Ieri il questore, invece, aveva chiuso la discoteca "Papi in the beach".

Ultimo aggiornamento: 3 Agosto, 09:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA