Mercoledì 26 Settembre 2018, 13:01

Affitto negato all'autotrasportatore-musicista: «Ha un pianoforte, può disturbare»

Silvio Michael Lena

di Alberto Comisso

CORDENONS - «A Cordenons si viene discriminati anche per un pianoforte». È curiosa la storia che Silvio Michael Lena, autotrasportatore di professione, scrittore e musicista per passione, ha voluto raccontare dopo che, tra le altre cose, ad agosto gli era stata negata la possibilità di girare una scena del film al quale sta lavorando da tempo nel campanile di Cordenons. Un tira e molla con la parrocchia che, alla fine, si è tradotto in un nulla di fatto, costringendo la troupe a modificare il copione. «Non è una bufala, ma la realtà. «È una storia vera - precisa - ed è successo proprio a me. Ho venduto casa e mi sono recato in una delle tante agenzie immobiliari di Cordenons per prendere in affitto un appartamento». Una trattativa senza intoppi, almeno all'apparenza, tant'è che Lena, una volta individuato l'appartamento di suo interesse, firma il pre-contratto e versa subito la caparra. La sorpresa, se così si può chiamare, è però dietro l'angolo. «Dopo qualche giorno - ricorda - mi chiama l'agenzia per dirmi che i proprietari, anziani, rifiutano perché ho un pianoforte. Secondo il loro punto di vista disturberei suonandolo e non vogliono avere problemi». Come dire: non vogliono avere problemi con chi risiede nello stesso condominio.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Affitto negato all'autotrasportatore-musicista: «Ha un pianoforte, può disturbare»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-09-27 07:16:49
Purtroppo certi proprietari lontani affittano i loro appartamenti e poi, nelle loro ville con parco, se ne fregano del mancato rispetto delle regole condominiali, di cui per legge si rendono garanti fino a poter estromettere gli inquilini problematici. Quando poi gli inquilini non pagano per anni la pigione, fanno spendere di avvocato e ufficiale giudiziario che ottiene lo sfratto eseguito dopo numerosi tentativi,con appartamento disastrato...non dispiace poi tanto ai vicini vessati per anni.Morto un distrubatore se ne fa un altro. Il bello e' che i produttori -ascoltatori di musica in appartamento , massimo volume,poi per strada si mettono le cuffiette...o anche maxi cuffiotte stereo hifi . Ultima moda e' diffondere al vicinato la preghiera del Muezzin a squarciagola,con intenti propagandistici e di possesso del territorio.Rispondere se possibile con canto gregoriano diffuso da alto parlanti occultati.
2018-09-27 06:57:45
E vai. Razzismo, discriminazione, omofobia... Praticamente per essere in regola con il "politicamente corretto" che vorrebbero imporci dovremmo accettare tutto quello che arriva, senza poter dire la nostra. Farci poi una notizia su un giornale mi sembra il massimo della decadenza. A casa mia voglio stare tranquillo, credo sia un diritto di tutti, ma per questo mio diritto invocato divento uno che discrimina? Beh, allora si, sono uno che discrimina. Problemi non me ne faccio. E non voglio che me ne facciano gli altri.
2018-09-27 06:01:47
Si offra di insonorizzare a sue spese l'appartamento.
2018-09-26 23:59:52
Ma uno sarà libero di affittare a chi vuole, e di tutelare i propri timpani ed eventualmente anche quelli di altri vicini...!
2018-09-26 18:17:02
Una notizia non credibile.