​«Il suo cane è grande come una mucca: non può entrare nel supermercato»

PER APPROFONDIRE: cacciato, cane, pordenone, supermercato
​«Il suo cane è grande come una mucca: non può entrare nel supermercato»

di Alberto Comisso

PORDENONE - «Il suo cane è grande come una mucca, non può entrare nel supermercato». È quanto si è sentito dire un uomo che, recandosi in un supermercato dell'hinterland pordenonese, è stato bloccato all'accesso. Zeus è un Akita americano che non si separa mai dal suo padrone, Pare, però, che non sia ben accetto in quel negozio a causa delle sue dimensioni. Per questo è stato lo stesso padrone a chiedere aiuto al Movimento animalista del Friuli Venezia Giulia per capire se un simile diniego sia legittimo o meno.

Nella vicenda è intervenuta Alessandra Marchi come coordinatrice regionale del movimento ed anche in veste di avvocato. Il legale ha scritto al supermercato in questione evidenziando che la legge parla chiaro: 'Il responsabile di un esercizio commerciale può decidere di far accedere l'animale oppure di vietarne l'accesso. Deve tuttavia inviare una comunicazione al sindaco, che se però non viene affissa l'accesso non può essere negato''.

«Poiché non si fa menzione di alcuna limitazione o deroga ad una sua applicazione riconducibile alla dimensione dell'animale - sostiene Marchi - il diniego non è legittimo. E' poi accaduto che sempre a Zeus, deciso che non si poteva vietargli l'accesso al supermercato, sia stato imposto di indossare la museruola». «Il supermercato - sottolinea il legale - non è certamente un luogo dove occorre indossarla per entrare ma solo a richiesta in caso di rischio per l'incolumità di persone e animali che va valutato e non presunto».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 1 Febbraio 2018, 19:37






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
​«Il suo cane è grande come una mucca: non può entrare nel supermercato»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 46 commenti presenti
2018-02-07 12:52:38
I non sono d'accordo che ai cani venga permesso di entrare nei locali pubblici, specie dove ci sono alimenti o ci sono persone che mangiano. Mi è capitato di vedere in pizzeria gente che dava i bocconi di pizza al cane sotto il tavolo e il cane che sbavava ovunque, poi quando non riceveva niente saliva con le zampe sulla panca, con la coda super pelosa che sbatteva addosso alla tovaglia e poi annusava tovaglia, tovaglioli ... insomma, anche i proprietari dei cani si mettano una mano sulla coscienza... Non c'è scritto da nessuna parte che un animale debba andare a fare la spesa o mangiare al ristorante. Portateli a correre nei prati, in montagna e al mare, ma per favore non nei locali pubblici!
2018-02-04 00:27:42
volete pure che i supermercati siano obbligati a far costruire al loro interno un bagno per i cani ? ma fatemi il piacere e abbiate un po di quello che si dice. Dove ci sono alimenti e l'uomo deve usare i guanti e sacchetti monouso,il cane per quanto amico e forma di vita da rispettare NON DEVE ENTRARE IN QUESTI LUOGHI
2018-02-03 10:19:04
Questo è un paese rovescio. Il ministero della salute impone agli operatori di valutare nel piano di autocontrollo i rischi e solo se DIMOSTRANO di non potere eliminarli o ridurli possono escludere gli animali dai loro negozi! In un paese normale l'esercente dovrebbe invece dimostrare di poter gestire i rischi per ammettere gli animali nel negozio. Non vi pare?
2018-02-03 10:04:06
Il cane alza la gamba e spruzza sul frigo espositore del latte. Come la mettiamo?
2018-02-03 07:23:00
Certi che entrano in bar ( col freddo ed umido sonori fugio di molti e centro di ita sociale)con certi cani sozzi ed inzaccherati il cui pelo umido emana aroma selvatico, vedono che attorno a loro si fa il vuoto , gli avventori se ne vanno o spostano le sedie. E..SORRIDONO DI SODDISFAZIONE MALCELATA!SPECIE SE L 'ANIMALE ABITUATO AD EFFUSIONI, SBAVA SUI PANTALONI O SCARPE ALTRIUI, O SBREGA CALZE APPENA ESTRATTE DAL PACCHETTO.Pero' ' i gestori temono battibecchi e grane e devono fare i diplomatici. Visto cartello " I cani possono entrare purche' stiano disciplinati "..vuol dire tutto e niente, in quanto la discilina viene decisa nelle forme e nei limiti dai padroncini.Persino c'e' chi fa leccare nella tazza o nel piattino.( "Tanto poi mettete nella lavatrice a vapore sterilizzante nevverooooo?")