Aperitivo "illegale" nel mini-market etnico a Pordenone: arriva la polizia e chiude il locale per cinque giorni

Sabato 31 Ottobre 2020 di Redazione
La polizia di fronte al market

PORDENONE - Nel pomeriggio e nella serata di ieri, 30 ottobre 2020 sono stati svolti dei servizi anti COVID-19 coordinati dalla Questura di Pordenone, con la partecipazione di equipaggi dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico – Squadra Volante, di pattuglie dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e di quelle della Polizia Locale di Pordenone. Al riguardo, sono stati effettuati controlli su alcuni locali risultati essere rispettosi delle attuali normative di riferimento. Invece, in particolare, alle ore 19.45 il dispositivo di vigilanza e controllo in argomento è intervenuto in via San Valentino, nell’esercizio commerciale “Asafo mini-market” ove era in corso un controllo da parte della Polizia Locale e dell’Azienda Sanitaria.. Sul posto sono state evidenziate numerose irregolarità, con l’identificazione di 19 avventori due dei quali sprovvisti di documenti di riconoscimento,  accompagnati in Questura. Nel mini-market il personale operante ha riscontrato come il titolare avesse impropriamente somministrato bevande alcoliche ai presenti ed un uomo di nazionalità congolese è stato anche sanzionato in quanto manifestamente ubriaco. Ancora, sempre all’interno del locale sono state trovate assembrate 13 persone in violazione della normativa, mentre personale dell’Azienda Sanitaria ha riscontrato violazioni amministrative in ordine alla conservazione delle derrate alimentari e della pulizia degli stessi locali. Al termine delle relative contestazioni è stata applicata la chiusura per cinque giorni   ex art. 4 comma 1 del D. L. n. 33/2020 con successiva trasmissione degli atti alla Prefettura di Pordenone per le conseguenti valutazioni.

Ultimo aggiornamento: 1 Novembre, 09:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA