Francesca, a 23 anni l'operazione per non avere figli: «Era un mio diritto, nella mia vita non c'è posto per un bimbo»

Lunedì 14 Novembre 2022 di Elisa Fais
Francesca Guacci
58

MASSANZAGO (PADOVA) - «Ho sempre avuto la consapevolezza viscerale di non essere destinata a diventare madre e, così, cinque anni fa mi sono sottoposta all’operazione di salpingectomia. L’intervento prevede l’asportazione delle tube uterine, a seguito del quale non si può più concepire in modo naturale». Francesca Guacci, 28 anni, di Massanzago, racconta la sua scelta. Fitness influencer, Francesca (@francyfitsoul) sui social parla spesso di palestra, alimentazione e benessere psicofisico. È promotrice del lusso e scrittrice nel tempo libero.

Per tante giovani, oggi, l’essere mamma non è il solo percorso possibile. C’è chi ricorre a metodi contraccettivi permanenti come la salpingectomia bilaterale, che porta all’impossibilità di incorrere in una gravidanza naturale. «Ho scoperto che esisteva questa possibilità quando ero adolescente e gran parte delle conoscenze le ho apprese attraverso il web, perché i medici sono sempre stati poco predisposti - dice Francesca -. Anche dopo il compimento della maggiore età, mi sono sentita contrastata. Il mio ginecologo e i vari dottori ai quali mi sono rivolta non volevano fornirmi le informazioni necessarie, pareva sempre che fossi troppo piccola e troppo immatura. Solo per quello però. Per tutto il resto ero una donna fatta e finita, che doveva prendersi le proprie responsabilità»

L’operazione, in genere, tende ad essere consigliata dai medici solo in casi particolari come infezioni o carcinomi. Nonostante l’opposizione espressa da gran parte del personale medico, Francesca è andata dritta per la sua strada. «A 22 anni non ce l’ho più fatta e ho preteso di affrontare quell’intervento, anche perché nel frattempo avevo intrapreso un profondo percorso personale, il quale mi ha portata ad appassionarmi sempre più all’attività fisica e alla meditazione introspettiva. Volevo essere finalmente libera di trasformarmi nella donna che ho sempre sentito di essere. Lo ritenevo un mio preciso diritto e dovere».

 

E così ha iniziato il suo percorso. «Cinque anni fa ho trovato molte difficoltà in un ospedale della provincia di Padova, al quale mi ero rivolta per sottopormi a salpingectomia - sottolinea Francesca -. Mi hanno negato l’operazione, denigrando sia me che il mio ragazzo del tempo. Invece, nel Veronese, nel giro di un mese sono riuscita a ottenere l’intervento. Avevo appena compiuto 23 anni, mi sono ripresa nel giro di poco tempo, si tratta di un’operazione non invasiva». L’intervento chirurgico è stato eseguito in anestesia generale e in laparoscopia.
Le motivazioni che hanno portato la giovane a compiere questo passo arrivano dal profondo.

«Gli anticoncezionali non erano abbastanza per me - ammette Francesca -. Prima dell’operazione vivevo ogni rapporto con il terrore di rimanere incinta, diventavo odiosa e intrattabile, non mi sentivo mai serena e libera. Mi è successo di non avere la copertura della pillola, che il preservativo si rompesse. I figli non sono semplicemente un accessorio: meritano amore, tempo, attenzioni. Per la vita che voglio io, non c’è posto per loro. Sono consapevole dei miei gusti e del mio egoismo, ma al tempo stesso credo che ogni donna debba essere libera di prendere la scelta che ritiene più opportuna. In questo senso mi ha aiutato a riflettere un gruppo Facebook, al quale sono iscritte donne con la mentalità simile alla mia».
E, con consapevolezza, conclude: «Ogni decisione porta con sé una responsabilità. Non credo che mi pentirò mai. E, se anche dovesse accadere, penserò alla fecondazione in vitro».

Siete d'accordo con questa scelta? Votate il nostro sondaggio

Ultimo aggiornamento: 29 Novembre, 10:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci