Crisanti: «Ora riusciamo a circoscrivere i focolai, questo evita un nuovo lockdown»

Giovedì 6 Agosto 2020
Andrea Crisanti
PADOVA - «Abbiamo dei focolai che stiamo monitorando, ed è questa la differenza fondamentale rispetto all'inizio della pandemia: ora riusciamo a circoscrivere i contagi, all'inizio non riuscivamo». Lo ha detto in un incontro online il professor Andrea Crisanti, direttore del laboratorio di microbiologia e virologia dell'Ospedale universitario di Padova, sottolineando che «la capacità di circoscrivere i contatti delle persone positive con i tamponi e il distanziamento sociale, è la chiave per evitare futuri lockdown».

«Se non riuscissimo a controllare i contatti dei positivi sarebbe necessario creare delle aree rosse chiuse» ha affermato. «L'R0 non è un fattore intrinseco del virus, ma è dato dalla nostra capacità di controllare la sua diffusione - ha spiegato - con mascherine e distanziamento». Quanto alla carica virale e al fatto che ad oggi i contagiati sembrano stare meglio rispetto ai primi malati a febbraio, Crisanti è stato chiaro: «le persone anziane, che sono più fragili, stanno molto più attente e si contagiano meno, adesso per un puro fatto statistico si ammalano persone più giovani che reagiscono meglio, ma il virus è rimasto sempre quello, non si è modificato». 
Ultimo aggiornamento: 7 Agosto, 08:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA