Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Calcio Padova, taglio del 20% sul budget e nuova presidenza: il ruolo va ad Alessandra Bianchi

Martedì 28 Giugno 2022 di Andrea Miola
La conferenza stampa di annuncio

PADOVA - Un budget ridotto del venti per cento, ma che parte da livelli decisamente alti, la decisione di accantonare progetti pluriennali, lavorando di stagione in stagione con grande attenzione alla sostenibilità dei conti e un invito all'imprenditoria padovana di fornire un contributo maggiore alla causa biancoscudata. Sono queste le novità principali in chiave futura in casa del Padova a cui si aggiunge un'ulteriore notizia, ovvero il ruolo di presidente d'ora in poi assunto dall'amministratore delegato Alessandra Bianchi - in 112 anni di storia è la prima volta per una donna che rileva Daniele Boscolo Meneguolo che ha lasciato l'incarico dopo un triennio.

Un approccio diverso

«È ancora vivo il ricordo della finale - esordisce la neo presidente - che ha lasciato in tutti noi un forte scoramento, chiudendo questo ciclo triennale che ci ha visto perseguire obiettivi importanti in ambito giovanile, ma che non ci ha portato, nonostante gli investimenti, al salto di categoria che era il traguardo principale che ci eravamo proposti. Tutto questo ha portato anche una certa emotività, perché il patron Joseph Oughourlian era arrivato a Palermo tra mille difficoltà e si è trovato con noi a vivere questa atmosfera strana che qualcosa inevitabilmente lascia anche in persone lucide e razionali». Di qui il silenzio durato due settimane: «Ora si apre un nuovo periodo che vede confermato l'impegno della proprietà, ma con un approccio diverso e una programmazione annuale; questo non significa disimpegnarsi o avere una logica di breve termine, ma andare d'ora in poi a misurare i risultati e tarare le risorse anno su anno».

Stretta sui conti

Così sulla riduzione del budget: «Viene attuata su una cifra che rimane a livelli alti per la categoria e questa variazione mira a dare una sostenibilità ai conti indipendentemente dalla categoria; faremmo di tutto per salire ed essere competitivi, ma non dobbiamo essere in condizione che, rimanendo in C, vi sia una dipendenza eccessiva dalle iniezioni di capitale dell'azionista in chiusura di ogni bilancio. Ecco perché bisogna andare a stabilizzare l'assetto dei conti con una filosofia che sia più orientata ai giovani rispetto al passato». Il tesoretto di quest'anno legato alla cessione al Sassuolo di Moro (prima tranche di due milioni), andrà a coprire in gran parte pendenze passate legate alle scadenze fiscali: «La situazione post covid si sta normalizzando e questo determina il non potere più fruire dei posticipi per il rispetto di tali incombenti, cosa che renderà ancora più impegnativo il lavoro del diesse. C'era comunque bisogno di un rinnovamento in un gruppo dalle qualità indubbie, ma comunque arrivato a quattro match point in due stagioni senza centrare l'obiettivo». Così sui tifosi: «Ci sono stati sempre molto vicini. Nella prossima campagna abbonamenti, da definire in concreto in funzione della nuova curva, abbiamo in mente un gesto di attenzione per chi ci ha seguito nei play off a Catanzaro e Palermo». Manca invece un vero contributo dal mondo economico: «Sul fronte del sostegno da parte degli sponsor sono molto contenta, ma in altre città il tessuto imprenditoriale attorno alla squadra è molto più coeso. Mi appello dunque a tutta l'imprenditoria e alle istituzioni per un maggiore seguito e per creare quel circolo virtuoso che per tutti sarebbe un elemento di maggiore forza. Il progetto di Padovanello per il settore giovanile resta sempre attuale».

Nuova presidenza

Dopo tre anni Daniele Boscolo Meneguolo lascia la presidenza: «Torno a seguire le mia azienda e la mia famiglia che in questo periodo ho un po' trascurato, ma dalla prossima partita sarò sugli spalti a tifare Padova dopo un triennio di grandi emozioni, positive, con due campionati di vertice, tanti punti e partite importanti, ma pure negative con tanto amaro in bocca e delusione per come si è perso a Palermo. Ringrazio il Padova e i tifosi che mi hanno dimostrato un affetto incredibile e una fede incrollabile».

Ultimo aggiornamento: 08:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci