«Lufthansa, l'odissea per il volo cancellato». E sui social esplode la rabbia contro la compagnia tedesca

Anche il giornalista bellunese Stefano Campolo incappato nella cancellazione dei voli

Domenica 22 Maggio 2022 di Angela Pederiva
I passeggeri bloccati a Francoforte
4

VENEZIA - L'odissea vissuta da Mara Bizzotto non è un caso isolato. Fra i passeggeri incappati nei disservizi di Lufthansa all'aeroporto di Francoforte, a decine hanno esternato la loro furiosa rabbia sui social, ma c'è anche chi l'ha presa con rassegnata ironia: si tratta del giornalista bellunese Stefano Campolo, che a sua volta doveva rientrare nel giro di poche ore da Bruxelles a Venezia, mentre in realtà ha finito per perderci due giorni fra taxi, primo aereo, secondo volo, autobus, treno, secondo convoglio, precisando però di non aver «riscontrato pregiudizi nei confronti degli italiani», come invece lamentato dall'eurodeputata, che per questo motivo aveva annunciato un'azione legale e non aveva escluso un'interrogazione parlamentare. «Benedetta quella volta che ho cominciato a mettere in valigia il cambio per una notte in più», racconta comunque il comunicatore nel blog Parto domani.


LE TRAVERSIE
Mai nome fu più profetico, visto com'è andata. Nella sua testimonianza («Con Lufthansa ho rischiato di rimanere senza mutande»), Campolo elenca tutte le traversie in cui è incappato nello scalo, a cominciare dai primi ritardi e cambi di gate di cui la compagnia tedesca lo aveva prontamente informato, tanto da fargli inizialmente apprezzare il modello di «efficienza teutonica». I guai sono però cominciati quando il volo per il Marco Polo è stato cancellato, al banco informazioni si è formata un'interminabile fila ed è stata offerto in alternativa un viaggio per il giorno successivo. E che viaggio, annota il giornalista: «Ma questi sono pazzi scatenati, domani la compagnia aerea di bandiera di uno dei paesi più impegnati contro i cambiamenti climatici mi manda da Francoforte a Venezia via Copenhagen. E poi, dove dormo? Oh no». Nuova coda all'infopoint, in cui si sono sprecate scene di isterismo diffuso e indignazione per l'inefficienza registrata: «Sembra un esperimento sociale per capire quale sia il punto di rottura delle persone, quando la gente diventa massa e poi folla rabbiosa. Perché non rinforzano il servizio con la fila che ha raggiunto i duecento metri?». Alla fine Campolo ha accettato i voucher per il pernottamento in città, così da affrontare «un'imprevista giornata di voli e trasbordi», sino al ritorno a casa.


SU FACEBOOK
In queste ore la pagina Facebook di Lufthansa è bersagliata dalle proteste della clientela internazionale. Marcos Carvalho: «Il modo in cui state gestendo le vostre cancellazioni a Francoforte è vergognoso. Ieri sera il vostro staff ha urlato contro le persone, rifiutandosi di identificarsi, persone anziane e disabili che fanno fila fino a 3 ore, senza cibo e acqua per la maggior parte del tempo». Robert Grima: «Avete appena cancellato un volo da Francoforte a Malta solo perché non avete abbastanza equipaggio? Dovreste vergognarvi». James Mathers: «Servizio pessimo lasciando 200 persone bloccate in aeroporto per 8 ore senza niente, nemmeno informazioni su quello che sta succedendo». Ana Patrícia Cardoso: «Non mi sono mai sentita così maltrattata». I social media manager della compagnia hanno risposto così alle lamentele di una viaggiatrice in difficoltà: «Ciao Aline, siamo molto dispiaciuti per la tua esperienza all'aeroporto. Purtroppo non abbiamo alcuna informazione. Chiedi informazioni al personale dell'aeroporto». E lei: «Sono inutili e maleducati. Ci rivolgeremo al difensore civico».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci