Venerdì 1 Novembre 2019, 12:49

La scelta di Simone: ​«Vivo tra le Dolomiti con le mie galline, le api e gli ortaggi»

PER APPROFONDIRE: contadino, simone bazzali, social
La scelta di Simone Bazzali: ​«Vivo tra le Dolomiti con le mie galline, le api e gli ortaggi»
BELLUNO - «Vivo tra le Dolomiti con le mie galline, le api e gli ortaggi. Vorrei raccontarvi la passione e l'amore per la mia vita contadina. Stay in campagna». Sono le parole inserite nel profilo Facebook Il contadino Simo, giovane agricoltore bellunese che da Sospirolo grazie ai social coinvolge follower da ogni parte d'Italia nelle sue attività quotidiane. All'anagrafe Simone Bazzali, è un nuovo talento della campagna. Secondo Coldiretti, che ha tracciato l'identikit dell'agricoltore under 30 oltre al diploma o alla laurea anche in altre discipline, le nuove generazioni sviluppano sogni imprenditoriali legati alla valorizzazione del patrimonio agroalimentare, applicando tecnologie avanzate ma conservando gran parte della tradizione.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La scelta di Simone: ​«Vivo tra le Dolomiti con le mie galline, le api e gli ortaggi»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-11-02 12:59:26
beato lui che puo'
2019-11-02 11:51:30
… galline, spero ci sia pure il gallo ?.. scherzi a parte, il contadino ( ucciso negli anni sessanta così come la cura della madre terra ) non era solo cultura dell'agro ma una condizione d'animo ovvero una reale simbiosi tra spirito e natura e avveniva su di un piano partitario tra le parti.. questo " ritorno " invece è galeotto ( interessato ) in quanto sfrutta la situazione per fini diversi dal vero amore perla terra umiliandola a mero strumento dell'apparire mediatico.. si dirà meglio questo che niente.. d'accordo ..
2019-11-01 21:24:14
certo che un contadino con in mano un cellulare che si riprende di continuo quando è sera di lavori deve averne fatti parecchi.
2019-11-01 16:40:32
Tra emigrare all'estero e ritirarsi in campagna o montagna ostica e solitaria (quest'ultima scelta molto poetica e strombazzata da trasmissioni tv- genere verdeggiante chenon mancano mai in ogni puntata di esibire, mungiture e caseificazioni e stagionamenti rigorosamente bucolici e mai industrializzati ), non ci srebbe una via di mezzo?In Citta' o campagna di pianura?
2019-11-01 16:00:34
anche io una volta avevo un'allevamento di Bueapi poi i fiori scarseggiavano e il Bueapi non ne trovava a sufficienza cosi quando lo mungevo non usciva miele e alla fine ho dovuto vendere il Bueapi al mercato dei Bueapi.