Alemagna, semirimorchio si stacca dalla motrice e invade il marciapiede

PER APPROFONDIRE: aa
I vigili del fuoco recuperano il semirimorchio
SAN VITO DI CADORE - Solo un miracolo ha evitato che ci fossero morti e feriti ieri pomeriggio sulla statale d'Alemagna a San Vito di Cadore, quando un pesantissimo semirimorchio (possono caricare fino a 44 tonnellate) si è improvvisamente staccato dalla motrice, e piegando a destra ha invaso il marciapiede: poteva essere una strage. Invece il semirimorchio si è appoggiato sulla mura che delimita la sede stradale, fermandosi lì. Per fortuna in quel momento sul marciapiede non passava nessuno. Nessuna persona e nessun veicolo sono rimasti coinvolti: l'incredibile e pericolosissimo distacco del gigantesco semirimorchio non ha fatto, in pratica, alcun danno e il pronto intervento dei vigili del fuoco ha permesso di liberare dopo poche ore la statale. Il distacco del semirimorchio dalal sua motrice sarà tuttavia oggetto di indagini perché potenzialmente pericolosissimo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 7 Febbraio 2018, 20:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Alemagna, semirimorchio si stacca dalla motrice e invade il marciapiede
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-02-08 09:59:33
Andreotti: le frasi celebri - A pensare male degli altri si fa peccato, ma spesso si indovina.... MOTORIZZAZIONE LE REVISIONI AI MEZZI PESANTI QUALI TEST ADOTTATE? COME LE FATE?
2018-02-08 09:29:13
Ma i collaudi a cosa servono ?
2018-02-08 08:05:10
Per quanto potenzialmente avrebbe potuto fare danni enormi a persone e cose se si fosse staccato in centro a San Vito, in quel posto per fortuna non c'è niente, nemmeno il marciapiede.
2018-02-07 22:16:13
Terzo caso in pochi giorni.... molto, molto strano
2018-02-07 21:55:08
Troppi mezzi pesanti percorrono le strade del bellunese, non per lavoro, ma per risparmiare i pedaggi autostradali del Brennero e dell’autostrada friulana. Bisogna fare qualcosa: penso basterebbe istituire il divieto di transito nei centri abitati e, nel contempo, gestire e regolamentare i permessi.