Kadyrov e il leader dei buddisti russi contro Papa Francesco: ceceni e buriati non sono crudeli. «Lui è rimasto vittima della propaganda»

Ramzan Kadyrov è leader della repubblica cecena

Mercoledì 30 Novembre 2022 di Franca Giansoldati
Kadirov e il leader dei buddisti russi contro Papa Francesco: ceceni e buriati non sono crudeli

Papa Francesco è «vittima della propaganda» occidentale e del pressing «dei mass media». Dopo la reazione del Cremlino alle parole di Papa Francesco, non si sono fatte attendere le reazioni dei ceceni e dei buriati, tacciati di essere crudeli. A difesa dei buriati è intervenuto il leader buddista.

Ucraina, Papa Francesco spinge per la tregua di Natale ma la sua gaffe sui ceceni complica tutto

Ramzan Kadyrov, leader della repubblica cecena, alla agenzia russa Interfax ha, invece, rispedito al mittente le osservazioni del Pontefice sui ceceni espresse quanche giorno fa in una intervista alla rivista dei gesuiti americani, America. Nel suo canale Telegram Kadyrov ha scritto: «noi non iniziamo nessuna battaglia senza prima proporre la pace. E dall'inizio dell'operazione militare speciale, lo abbiamo fatto probabilmente decine di volte. Gli stessi soldati ucraini che sono stati in nostra prigionia vi racconteranno del trattamento dei prigionieri da parte dei ceceni - che sia crudele o meno».

Ucraina, Andrea Riccardi: «Non è vero che chiedere pace significa essere filo-Putin», a Roma il summit sulle religioni

Precisando che tra i suoi soldati non ci sono alcolizzati o drogati, ma solo persone «religiose» che «rispettano il nemico» Kadirov ha aggiunto che è difficile «definire sul campo di battaglia se l'avversario è allegro, cupo, sentimentale o crudele? Inoltre, come è possibile determinare a vista l'etnia di un militare russo all'interno di una forza mista, visto che il nostro Paese ospita più di 190 gruppi etnici? Il capo del Vaticano (il Papa nrd) non può ovviamente rispondere a questa domanda. È semplicemente diventato una vittima della propaganda e dell'insistenza dei media stranieri».

Anche il leader spirituale dei buddisti russi, il venerabile Pandito Hambo Lama Damba Ayusheyev, ha definito “ingiuste” le accuse di Papa Francesco. «Penso che i cattolici romani europei non capiscano che la vita nella fredda Siberia e nell'Estremo Oriente rende le persone più resistenti, pazienti e capaci di affrontare le varie avversità. Per questo il nostro popolo non è crudele, ma deve semplicemente difendere ancora una volta la propria patria dal fascismo con dignità, come hanno fatto i nostri nonni e bisnonni». Il centro spirituale della comunità buddista russa si trova in Buryatia.

Ucraina: «La guerra continua, Russia ammassa armi e coscritti»

Ultimo aggiornamento: 16:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA