«Razza bianca», un errore concettuale ma il problema condizionerà l'esito delle elezioni

Giovedì 18 Gennaio 2018
18
Egregio Direttore,
desidero esprimere la mia opinione a riguardo le frasi (ritenute choc) sulla razza umana pronunciate dal candidato leghista in Lombardia. Fontana, credo, abbia voluto intendere che poiché il flusso dell'immigrazione nel nostro Paese oltre ad essere incontrollato non ha una fine e quindi avremo, come Fontana ha fatto capire e penso la stragrande maggioranza dei cittadini, un'invasione di grosse proporzioni tale da superare il numero degli italiani con conseguenze gravi. È comprensibile che alla vigilia delle votazioni politiche i vari leader di partito opposto cerchino di rendere l'episodio più grave di quanto lo sia per screditare un avversario a loro ritenuto scomodo. È perfino intervenuto il Parlamento Europeo dalla voce del Commissario UE agli affari economici Moscovici il quale anch'esso ha condannato le frasi pronunciate da Fontana affermando, tra l'altro, di essere preoccupato della politica italiana.


Pietro Siciliano
Orsago-Tv


Caro lettore, 
Fontana ha sicuramente sbagliato nel parlare di difesa della razza. Un grave errore concettuale, più che un semplice lapsus. Che gli avversari del candidato governatore lombardo lo abbiano duramente attaccato per quelle parole non stupisce, siamo in campagna elettorale e i passi falsi si pagano. Va però anche detto che Fontana ha posto un problema che è reale e condizionerà profondamente l'esito delle elezioni del 4 marzo. La gestione dei flussi migratori, il loro impatto sulla nostra società sul piano sociale, culturale e religioso (tutti temi che nulla hanno a che fare con la questione razziale) non sono un'invenzione di qualche forza politica, ma un tema reale e concreto che tocca da vicino gli interessi concreti di milioni di persone e che esigerebbe, più che polemiche e slogan, risposte concrete dalle forze politiche. Quindi a chi ha giustamente criticato Fontana (e allo stesso Fontana) sarebbe interessante chiedere come intende affrontare il tema immigrazione e i suoi molti riflessi. Sarebbe per esempio istruttivo partire da una semplice domanda. Cosa ne pensano di queste parole : «Le persone che lottano per la propria libertà devono poter essere accolte in Europa, ma non possiamo accogliere uomini e donne che per motivi economici cercano di venire a vivere nei nostri Paesi». Per la cronaca le ha pronunciate il premier francese Macron. © RIPRODUZIONE RISERVATA