Vaccino, Ema: «Più rischi al cuore dopo seconda dose Moderna». Al vaglio i dati

Giovedì 7 Ottobre 2021
Vaccino, Ema: «Più rischi al cuore dopo seconda dose Moderna». Al vaglio i dati

I vaccini mRna rimangono al vaglio delle Autorità di competenza. «Analisi preliminari» di nuovi dati, relativi alle segnalazioni di effetti cardiaci indesiderati successivi a vaccinazione anti- Covid con prodotti a mRna, e «provenienti da Paesi nordici» fra cui anche Svezia e Danimarca, «indicano la possibilità che il rischio di miocardite negli uomini più giovani possa essere maggiore dopo una seconda dose di Spikevax», il vaccino di Moderna, «rispetto a una seconda dose di Comirnaty» di Pfizer/BioNTech, «sebbene sia necessaria un'ulteriore valutazione. Il Prac valuterà i nuovi dati per determinare se è necessario aggiornare i consigli attuali nelle informazioni di prodotto». È quanto dichiarano dall'Ema all'Adnkronos Salute, dopo che la Svezia e la Danimarca hanno annunciato la sospensione precauzionale delle somministrazioni del vaccino Spikevax, rispettivamente nelle popolazioni under 30 e under 18. Risultano infatti «in aumento le segnalazioni di effetti collaterali come miocardite e pericardite», ha spiegato l'Agenzia svedese per la sanità pubblica, pur precisando che «il rischio di essere colpiti da questi effetti collaterali è molto basso».

Vaccino, Moderna studia il triplo shot: iniezione contro Covid, influenza e virus respiratorio

 

«Nel luglio 2021 - ricordano dall'Agenzia europea del farmaco - il Prac ha concluso che la miocardite e la pericardite, condizioni cardiache infiammatorie, possono verificarsi in casi molto rari dopo la vaccinazione con Comirnaty o Spikevax, più spesso dopo la seconda dose e negli uomini più giovani». Per questo «il comitato ha raccomandato di elencare entrambe le condizioni come effetti collaterali nelle informazioni di prodotto per questi vaccini, insieme a un avvertimento per sensibilizzare gli operatori sanitari e le persone che ricevono questi vaccini. Anche gli operatori sanitari hanno ricevuto una comunicazione» in materia. Ora, prosegue l'ente regolatorio Ue, «le conclusioni del Prac sono supportate da nuove analisi di dati provenienti da Paesi nordici (Danimarca, Finlandia, Norvegia e Svezia), che mostrano la miocardite si verifica più frequentemente dopo la seconda dose di Comirnaty e Spikevax». Ma «le analisi preliminari» suggeriscono appunto «anche la possibilità che il rischio di miocardite negli uomini più giovani possa essere maggiore dopo una seconda dose di Spikevax rispetto a una seconda dose di Comirnaty, sebbene sia necessaria un'ulteriore valutazione dei dati».

Vaccino mRNA, lo studio: le miocarditi rare e lievi. Un caso per 100mila individui. Maschi under 30 sorvegliati speciali

 

«Come comunicato in precedenza - torna a raccomandare l'Ema - gli operatori sanitari devono prestare attenzione ai segni e ai sintomi di miocardite e pericardite nelle persone vaccinate con Comirnaty o Spikevax». In ogni caso, l'agenzia ribadisce che «i vaccini Covid-19 autorizzati sono efficaci nel ridurre il rischio di Covid-19», nonché «i ricoveri ospedalieri e i decessi dovuti a Covid-19. Come per tutti i vaccini, l'Ema continuerà a valutare i dati emergenti su questi prodotti, per garantire che i loro benefici continuino a superare i loro rischi». 

Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre, 11:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA