Vaccino mRNA, lo studio: le miocarditi rare e lievi. Un caso per 100mila individui. Maschi under 30 sorvegliati speciali

Lunedì 27 Settembre 2021
Vaccino mRNA, miocarditi: lo studio
5

TRIESTE - Le Miocarditi e Pericarditi potenzialmente associate a vaccinazione mRNA contro il COVID-19, in particolare con vaccino ad mRNA Pfizer-BioNTech (BNT162b2) e Moderna (mRNA-1273) sono eventi rari, con manifestazioni generalmente lievi e ad esito favorevole. Lo scrive il Giornale Italiano di Cardiologia che pubblica un Expert Opinion della Società Italiana di Cardiologia, curato da una quindicina di esperti, tra i quali Gianfranco Sinagra (Centro Diagnosi e Trattamento Cardiomiopatie, Università Trieste), Giuseppe Mercuro (Dip.Scienze Mediche e Sanità Pubblica, Università Cagliari), Pasquale Perrone Filardi del Dip.Scienze Biomediche Avanzate, Università di Napoli. 

 

Miocardite dopo il vaccino: quanti casi?

Lo studio segnala che l'incidenza stimata è di 1 caso per 100mila individui, ovvero oltre 10 volte inferiore a quella delle Miocarditi non riconducibili a vaccini (10 - 20 casi per 100.000). Fermo restando la natura rara dell'evento, il tasso stimato è più elevato in soggetti con meno di 30 anni, completamente immunizzati e di sesso maschile (40 per milione tra uomini e 4,2 tra donne). Dai 30 anni in su, i tassi si riducono a 2,4 e 1,0 per milione, rispettivamente in uomini e donne. Il bilancio rischio/beneficio è nettamente a favore della vaccinazione contro il COVID: nei soggetti non vaccinati e con SARS-CoV-2 Miocardite e Pericardite sono nell'ordine di 11 casi rispetto ai 2,7 casi su 100mila.

Miocardite dopo il vaccino? «Dieci volte più probabile essere colpiti da un fulmine». Lo studio Usa

Miocarditi, soggetti più a rischio

In particolare, occorre sorvegliare i maschi, di età inferiore a 30 anni che completano il ciclo vaccinale. Lo studio propone per la prima volta un inquadramento nosografico delle forme 'post-vaccinò facilitandone l'identificazione e la costruzione di registri di ricerca e fornisce linee di comportamento nella vaccinazione ad mRNA in sottogruppi specifici della popolazione«. La pandemia COVID-19 in poco più di un anno ha causato 2,69 milioni di decessi e 122 milioni di contagi. I vaccini hanno significativamente contribuito a ridurre i tassi di morbilità e mortalità.

 

Ultimo aggiornamento: 12:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA