Pelle stampata in 3D sulle ustioni: così sarà possibile curare e guarire le cicatrici

Giovedì 13 Febbraio 2020
Pelle stampata in 3D sulle ustioni: così sarà possibile curare e guarire le cicatrici

Una rivoluzionaria "stampante 3D" promette di cambiare per sempre il modo di curare le ustioni. Un team di ricerca canadese, guidato dagli scienziati dell'Università di Toronto, ha messo a punto un macchinario in grado di "stampare" nuova pelle su ferite e cicatrici. La procedura sperimentale si serve di un particolare bioinchiostro a base di cellule mesenchimali stromali, in grado di favorire la crescita delle cellule epidermiche, consegando anche proteine che attivano il sistema immunitario e utili alla coagulazione del sangue.

LEGGI ANCHE Ricostruita la voce a una mummia egizia di tremila anni fa grazie a Tac e stampante 3D
 


Proprio come un comune dispenser di nastro adesivo, il nuovo dispositivo deposita strati di bioinchiostro sulle ferite dei pazienti, adattandosi a qualsiasi forma, grandezza e posizione. Si tratta di una procedura in fase sperimentale, ma il recente test sui maiali ha dato risultati estremamente positivi, che fanno ben sperare gli scienziati in una futura applicazione sugli esseri umani. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista specializzata Biofabrication. 

LEGGI ANCHE Bistecca spaziale, stampata in 3D in orbita: «Cibo nutriente e a costo zero per l'ambiente»

 

Ultimo aggiornamento: 17:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA