Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bambina morta dopo aver mangiato un panino a Fondi, oggi l'autopsia sul corpo di Martina. Lo sgomento dei cittadini

Sabato 16 Aprile 2022 di Giovanni Del Giaccio
Bambina morta dopo aver mangiato un panino a Fondi, oggi l'autopsia sul corpo di Martina. Lo sgomento dei cittadini

Si svolgerà oggi, 16 aprile, l'autopsia di Martina Quadrino, la ragazza di appena 13 anni morta a Fondi la sera di giovedì a causa forse di uno shock anafilattico. Il medico legale Maria Cristina Setacci eseguirà  l'esame nel pomeriggio per comprendere cosa è accaduto.

Latina, Martina muore a 13 anni: malore dopo aver mangiato un panino, forse shock anafilattico

Le prime informazioni

Secondo la ricostruzione dei carabinieri la ragazzina l'altra sera ha mangiato un panino con le amiche durante una festa di compleanno, si è sentita male e ha raggiunto la sua abitazione nel centro storico di Fondi, poco distante dal luogo dove si trovava. Lì i genitori si sono accorti che la situazione era particolarmente grave e hanno chiamato il 118 ma quando sono arrivati i soccorritori purtroppo non c'era più molto da fare. Sembra che Martina avesse delle allergie alimentari e occorrerà capire se sono state fatali o se, invece, il malore sia dovuto ad altro. Sgomento in città, dove la famiglia della ragazzina - che gestisce uno stand al mercato ortofrutticolo di Fondi - è molto conosciuta. 

La festa si è svolta in un disco bar molto in voga tra i giovani, sul quale sono in corso degli accertamenti da parte degli investigatori. 

L'autopsia eseguita dal medico legale Cristina Setacci è durata oltre tre ore. Nessuna comunicazione ufficiale, si sa soltanto che sono stati eseguiti una serie di prelievi mirati per cercare di avere una diagnosi precisa e che non si esclude lo shock anafilattico

Ultimo aggiornamento: 22:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA