Se a scuola non fanno il presepe: ecco chi viene davvero discriminato

PER APPROFONDIRE: discriminazione, presepe, scuola
Un Dirigente scolastico di un Comune limitrofo al mio, qualche giorno fa ha optato per abolire il presepe nelle scuole dell'Istituto Comprensivo da lui diretto, per sostituirlo con gli alberi di Natale, quali simbolo universale, togliendo quindi il significato stesso del Natale, cioè la nascita di Gesù, per una generica Festa universale. Tale scelta adducendo come motivazione la presenza nelle scuole di tanti alunni stranieri o comunque non Cristiani. 

Mi domando: a parte il fatto che ad essere discriminati sono proprio i bambini Cristiani che lui definisce una minoranza, ma che, se anche così fosse, trova il suo diritto in una tradizione religiosa e culturale millenaria; ma nessuno ha spiegato a quel Dirigente, che il Natale è di per sé una Festa religiosa, altrimenti non esisterebbe?

Rinnegare questo significato per sostituirlo con un qualcosa di generico, per una falsa idea di integrazione, è ancora una volta un passo sbagliato che va contro il rispetto per la cultura che ci appartiene e che non dovrebbe essere svenduta per il quieto vivere, ma valorizzata, amata e rispettata. Certamente, in altre Nazioni, ciò non succederebbe di sicuro! Per concludere vorrei citare una frase di Papa Francesco, pronunciata e ribadita con forza domenica scorsa all'Angelus che dice: .. non togliete Gesù dal Natale, . Gesù è il Natale!

Nadia Pigozzi Furlan 
Prata di Pordenone
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 22 Dicembre 2017, 14:48






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Se a scuola non fanno il presepe: ecco chi viene davvero discriminato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-12-24 19:03:40
Peccato. La prima parte della lettera era condivisibile. Ma poi in conclusione si vuol citare Bergoglio e le sue banalita' e allora si capisce la vera impostazione della lettera. Peccato.
2017-12-23 16:14:13
A scuola si va per imparare TUTTI insieme; il presepe è un motivo di aggregazione, in molte scuole vengono fatti da bambini mussulmani e cristiani, TUTTI INSIEME. Questa è vera integrazione. La proibizione di fare il presepe in realtà nasconde un malinteso senso di laicismo, un laicismo malsano.
2017-12-23 17:19:41
Il presepre NON è un motivo di aggregazione ne' di integrazione, ma di divisione, di separazione, di discriminazione. Si facciano attività che accomunano, non che dividono. Il semplice fatto che ci sia tanta polemica sull'argomento dimostra proprio che manca la condivisione.
2017-12-25 11:09:36
Sbaglia in pieno: il fatto che bambini di diverse religioni si uniscano per fare il presepe e festeggiare insieme il Natale è la migliore smentita a quanto lei afferma. Se poi vuol negare l'evidenza, si accomodi. Difficile far cambiare idea a chi ragiona per partito preso. Comunque, Buon Natale anche a lei.
2017-12-22 23:29:57
Signora Furlan. La scuola è un'istituzione pubblica, cioè di tutti, non di una parte (maggioranza o minoranza che sia). A scuola si va per IMPARARE, non per indottrinare e tantomeno per discriminare. Quindi è bene evitanre manifestazioni di culto. Di qualsiasi culto. E pensiamo alla qualità dell'insegnamento piuttosto che agli arredi e agli indottrinamenti.