Siri, il figlio di Arata assunto ​da Giorgetti a Palazzo Chigi. Lega: «È persona preparata»

PER APPROFONDIRE: arata, corruzione, giorgetti, lega, siri
​Caso Siri, il figlio di Arata assunto da Giorgetti a palazzo Chigi
Federico Arata, vale a dire il figlio dell’imprenditore Paolo Arata, indagato insieme al sottosegretario al ministero dei Trasporti, Armando Siri, è stato assunto a palazzo Chigi dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti

Armando Siri, il fedelissimo di Salvini che spacca il governo
Siri, indagato anche Arata, l'interlocutore dell’Assessorato all’Energia della Regione Sicilia

«Se fosse vero che il figlio dell'imprenditore-faccendiere Paolo Arata sia stato assunto dal sottosegretario Giancarlo Giorgetti a palazzo Chigi, ci troveremmo di fronte a un vero e proprio caso». Lo afferma in una nota il Movimento 5 Stelle, chiedendo spiegazioni a Matteo Salvini.

«Parlamentari e ministri della Lega continuano a lavorare anche in questi giorni di festa. Non rispondono a polemiche e insulti che si sgonfieranno nell'arco di qualche ora. Federico Arata è persona preparata. Alleghiamo curriculum». È quanto sottolineano fonti qualificate della Lega con una nota.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 19 Aprile 2019, 20:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Siri, il figlio di Arata assunto ​da Giorgetti a Palazzo Chigi. Lega: «È persona preparata»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-04-20 14:35:38
Parlate anche del kompagno Renzi:Matteo Renzi non ha guardato in faccia a nessuno quando ha deciso di querelare tutti quelli che, secondo lui, lo avrebbero insultati negli ultimi tempi. Nella mitragliata di lettere dei suoi avvocati è finita però anche una pensionata, come riporta il Fatto quotidiano, Giovanna Mazzoni, che è ancora titolare di un piccolo esercizio commerciale: "Che vuole che le dica - ha risposto al Fatto - per pagare le parcelle venderò il negozio". La donna è originaria di Ferrara, ha lavorato per una vita all'Inail ed era una risparmiatrice di Banca Carife, con la quale ha perso 51mila euro in soli quattro giorni. Nel 2017, la donna andò a protestare alla Festa dell'Unità di Bologna contro il decreto salva-banche, il provvedimento voluto dal Pd per evitare il fallimento delle banche venete e del Monte dei Paschi di Siena. Quando si ritrovò davanti a Renzi, la Mazzoni urlò a gran voce: "Voi avete rubato!", sventolando la bandiera con la scritta "no salva-banche". L'ex segretario del Pd le risposte con particolare irritazione: "Signora, voi avete rubato lo dice a sua sorella. Si metta a sedere, cortesemente". La signora in realtà fu allontanata dalla sala e si beccò la querela da parte dell'allora tesoriere del Pd Bonifazi, che poi la ritirò.
2019-04-20 13:41:47
Quando vanno al potere si adeguano tutti: belli e brutti! La raccomandazione e' un vizio nazionale purtroppo. Nessuno o pochi esclusi!
2019-04-20 12:32:00
La Lega ha fatto 4 governi con Berlusconi, nel 2011 ci hanno lasciato a un passo dal baratro economico, con le inchieste sulla Lega di Bossi, adesso mi sembra di rivedere un film già visto.
2019-04-20 11:18:57
I deputati o senatori possono essere della Lega, dei5 stelle , del PD ...... sono quasi tutti associazione a delinquere
2019-04-20 11:03:17
La pretesa di chiarimenti del M5S da parte della Lega è legittima nell’interesse di tutti i Cittadini.