Francesco Lollobrigida, il ministro e il caso Frecciarossa: «Non mi dimetto, ho agito nell’interesse dello Stato»

Tajani: «Ferrovie e il ministro hanno chiarito, vicenda chiusa»

Giovedì 23 Novembre 2023
Francesco Lollobrigida, il ministro e il caso Frecciarossa: «Non mi dimetto, ho agito nell interesse dello Stato»

«Per quanto è di mia competenza farò tutto quello che è necessario. Non sono mai fuggito al confronto. Sono convinto di aver agito non solo nell'ambito della legalità e della norma ma nell'interesse dello Stato e per rappresentarlo a Caivano». Così il ministro dell' Agricoltura Francesco Lollobrigida a margine del Forum Coldiretti, organizzato con The European House -Ambrosetti, rispondendo a una domanda sulla vicenda del treno e di un'eventuale richiesta a riferire in Aula.

E alla domanda sulla richiesta di dimissioni dalle opposizioni ha detto «No», non mi dimetto.

Lollobrigida fa fermare il Frecciarossa in ritardo a Ciampino, ira opposizioni. Il ministro: «Fermata fruibile per tutti»

Le parole del ministro

«Quella discesa dal treno non era per andare in vacanza o andare a trovare la mia famiglia, ma per andare a fare il mio lavoro», ha ribadito Lollobrigida. «Per me il vero privilegio - ha aggiunto - è stato quello di stare tra i cittadini di Caivano, a cominciare dai bambini, che sono il nostro futuro e che oggi sono nelle condizioni di tornare a frequentare il parco, grazie al lavoro delle forze dell'ordine e dell'esercito che in tempi velocissimi hanno ripulito quella che era una piazza di spaccio. Lo Stato c'è, c'è in tempi celeri e non solo quando i riflettori erano accesi ma anche nei giorni successivi».

Tajani: «Caso chiuso»

«Mi pare che Ferrovie e il ministro hanno chiarito la vicenda: Fs ha detto che non c'è stato alcun abuso e per me non c'è nessuno da far dimettere. La vicenda è chiusa e chiarita». Lo ha detto il vicepremier e ministro degli Esteri, Antonio Tajani, a margine del Forum internazionale dell'agricoltura e dell'alimentazione organizzato a Roma da Coldiretti e The European House - Ambrosetti. «Il ministro non stava andando in vacanza con la famiglia ma stava andando a Caivano - ha detto Tajani - ricordo bene che lui ha partecipato in Aula alla Camera sul dibattito sull'Albania e mi ha detto sto partendo per andare di corsa alla stazione per prendere il treno per andare a Caivano. Era quindi per un motivo di servizio a svolgere il suo lavoro istituzionale, era quindi un motivo di servizio. Il privilegio c'è quando si tratta di una vicenda personale, qui si tratta di una fermata prevista dalle norme come ha detto Ferrovie. Andava a svolgere un lavoro istituzionale, non c'entrano nulla quindi i pendolari».

Ultimo aggiornamento: 25 Novembre, 09:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci