Leopolda, indagato Bianchi, il presidente della Fondazione che finanziava Renzi

Indagato l'ex presidente di "Open" che finanziava la Leopolda di Renzi
Traffico di influenze. È stato iscritto sul registro degli indagati della procura di Firenze Alberto Bianchi, 65 anni, da sempre vicino a Matteo Renzi e presidente della fondazione Open, indagato dalla procura di Firenze per traffico di influenze per i suoi rapporti professionali e con Open, ex cassaforte degli eventi renziani e delle Leopolde, che ha presieduto fino al momento della chiusura, avvenuta lo scorso anno. Ieri, lo studio del legale è stato perquisito dalla Guardia di Finanza, alla presenza del procuratore aggiunto di Firenze Luca Turco.

Renzi-Salvini, sfida tv da Vespa a ottobre. Italia Viva, nascono i gruppi a Camera e Senato (con il Psi)

Renzi, ecco i 41 deputati e senatori che passano a "Italia Viva": al Senato primo arrivo da FI
 




Massimo riserbo sulle indagini da parte degli inquirenti. Ha invece confermato che c'è un'inchiesta in corso il legale di 
Bianchi, l'avvocato Nino D'Avirro. «L'avvocato Alberto Bianchi è indagato per una ipotesi di reato fumosa qual è il traffico di influenze per prestazioni professionali a mio avviso perfettamente legittime», ha spiegato. D'Avirro ha anche detto che Bianchi «ha messo a disposizione degli inquirenti la documentazione richiesta nella convinzione di poter chiarire al più presto questa vicenda che - precisa il legale - lo sta profondamente amareggiando».



Pistoiese d'origine, fiorentino d'adozione, 65 anni, l'avvocato 
Bianchi è stato anche legale dell'ex premier Renzi oltre che presidente di Open, 'erede' della fondazione Big bang nata nel 2012, il cui scopo era supportare le attività e le iniziativa di Matteo Renzi fornendo contributo finanziario, organizzativo e di idee.



Nel consiglio direttivo, oltre che da 
Bianchi presidente, sedevano Maria Elena Boschi (segretario generale), Marco Carrai e Luca Lotti. La fondazione, sul cui sito internet era possibile leggere i nomi dei finanziatori che avevano dato il consenso alla pubblicazione, è stata chiusa l'anno scorso.
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 19 Settembre 2019, 20:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Leopolda, indagato Bianchi, il presidente della Fondazione che finanziava Renzi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2019-09-20 17:20:05
Sembra proprio che questa italietta sia impestata di inciuci, scaricabarili, affari personali e tante altre cosette di questo tipo. Il passato ha insegnato, ora e' molto difficile lasciare questi concetti.
2019-09-20 16:53:55
Non ho mai creduto ai complotti ne alla dietrologia, staremo a vedere cosa scoprono gli inquirenti, .. però che tempismo!
2019-09-20 19:05:24
Certo che siete complottisti. Per esperienza personale da ex indagato, le indagini iniziano anche fino a 4/5 anni prima di essere notificate. Ciò vuol dire che questi personaggi perlomeno da fine governo renzi sono sotto indagine.
2019-09-20 16:06:42
Alberto Bianchi, Matteo Renzi, fondazione Open, Leopolde, Guardia di Finanza, fondazione Big bang, Maria Elena Boschi, Marco Carrai, Luca Lotti..., Letta stai sereno, e naturalmente anche noi!
2019-09-20 13:35:32
A prescindere dalla politica, non mi sono simpatici nè Renzi, nè Salvini. Non si assomigliano, anzi trovo che siano completamente diversi. Il primo è un politico professionista, "cacciatore di poltrone", tanto da creare un nuovo partito quando si è reso conto di essere stato messo ai margini nel suo. Portandosi dietro la minoranza, si è comunque assicurato un ruolo fondamentale potendo ora far contare il suo voto; Salvini al contrario mi sembra mosso da una convinzione interiore, messianica, per la quale si erge a difensore/salvatore della patria. Spero che qualcuno ci difenda/salvi da lui, dato che, psicologicamente, lo trovo affine a tutti i dittatori, detentori solo delle loro certezze che vogliono imporre al resto del mondo.