Gentiloni: «L'Italia chiede più Europa. Questi sono mesi decisivi»

PER APPROFONDIRE: gentiloni, ue
Gentiloni: «L'Italia chiede più Europa  Questi sono mesi decisivi»
Il premier Paolo Gentiloni avverte che l'Ue deve sfuggire al rischio, ora che si si è lasciata alle spalle la crisi sui destini dell'Unione, «di rassegnarsi all'idea che si va avanti con quello che c'è, a piccoli passi, con la velocità dettata dai vagoni più lenti, quei Paesi che dall'Europa vogliono solo vantaggi senza condividere i suoi impegni, valori e obiettivi comuni». Rendendo le comunicazioni alla Camera in vista del Consiglio europeo di domani e venerdì, il presidente del Consiglio ha sottolineato che «l'Italia è dalla parte di chi chiede più Europa e non di chi all'Europa si contrappone».

«Siamo orgogliosi del buon esempio che abbiamo dato e dei risultati conseguiti» e per i quali, come ha detto Juncker «l'Italia ha salvato l'onore dell'Europa» ha proseguito Gentiloni. «Siamo consapevoli di quanto il tema migratorio sia al centro dell'interesse dei concittadini europei, l'Italia si presenta al dibattito come un paese orgoglioso di poter dare il buon esempio e mostrare i risultati di quello che abbiamo portato avanti. L'Italia è stato il paese più impegnato nel salvataggio delle vite umane in mare
».

«Abbiamo davanti 15-16 mesi che possono rivelarsi decisivi se si colgono delle opportunità o possono confermare una situazione difficile». «C'è la consapevolezza in diversi Paesi europei del fatto che siamo in un momento di transizione per i destini dell'Unione e credo che sia utile che questa consapevolezza che c'è anche nel nostro Paese cresca attraverso innanzitutto la discussione del Parlamento».

Sulla web tax il premier ha detto:
«al vertice Ue verranno fatti passi avanti nella richiesta italiana e francese sulla web tax, verrà formalmente dato incarico al Consiglio di esaminare le proposte della Commissione per prendere una decisione europea, il che non esclude ma in qualche modo costituisce un ombrello europeo per valutazioni, discussioni e decisioni dei singoli Parlamenti nazionalì. Così il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, nelle comunicazioni all'Aula della Camera sul Vertice Ue di domani e dopodomani.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 18 Ottobre 2017, 10:21






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Gentiloni: «L'Italia chiede più Europa. Questi sono mesi decisivi»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2017-10-18 14:42:09
Ma da quando in qua Ministro? Avete fatto (forse) un referendum popolare per dire che «l'Italia è dalla parte di chi chiede più Europa e non di chi all'Europa si contrappone».. Non credo proprio sa, che da un'eventuale consultazione verrebbero fuori risultati eccessivamente speranzosi su questo argomento... e voi lo sapete bene.
2017-10-18 15:24:11
..ahnn, dimenticavo di aggiungere, a conforto delle affermazioni del signor Ministro, anche quella della grande fuga degli italiani: 4.500 in un anno, che vanno a rimpolpare un già nutrito plotone di italiani residenti all'estero che tocca ora quota 4 milioni 973 mila.. +15,4% rispetto all'anno prima.. Bella notizia vero? Ma tanto con la "deportazione" a ritmo serrato dall'Africa e altri Paesi del Mediterraneo, la sostituzione etnica è garantita per il prossimo futuro!.. .
2017-10-18 14:17:42
Non è possibile cominciare ad uscire dal debito pubblico senza abolire i principali artefici, e cioè le Regioni. Più Europa sì, ma si deve abolire tutte le Regioni, senza se e senza ma (e senza gattopardismi, come si è fatto con le Provincie)
2017-10-18 16:42:07
Le Province sono state abolite solo sulla carta, perché per i dipendenti e le spese non e cambiato nulla, grazie a quest'altra riforma farlocca di Renzi.
2017-10-18 13:16:57
Mesi decisivi ? Anche lui fa quello che può per tenersi la carega sotto il sedere, come tutti i suoi compari. Il posto in tavola è buono, sarebbe un peccato perderlo.