Covid e maltempo, a giugno presenze a picco sui litorali

Giovedì 2 Luglio 2020 di Flavia Scicchitano

Spiagge deserte nel mese di giugno con presenze in picchiata in quasi tutta Italia: comincia con il segno meno l’estate 2020, sia a causa del Covid che del meteo pessimo, anche se le prenotazioni per luglio e agosto fanno ben sperare. «Per gli imprenditori balneari la stagione estiva - dice Antonio Capacchione, presidente del Sindacato italiano balneari aderente a Fipe Confcommercio - è iniziata in ritardo e con la concentrazione delle presenze nei fine settimana».

Leggi anche > Vacanze all'italiana, dopo il lockdown tutti a caccia dell'angolo di paradiso sotto casa: 8 italiani su 10 scelgono mete vicine

Rispetto allo stesso periodo del 2019 le presenze sono infatti in calo in tutte le regioni: le perdite più gravi in Sardegna (-80%), nel Lazio e in Molise (-75%) e in Campania e Basilicata (-70%). Non va molto meglio in Friuli (-65%) e Sicilia (-60%), Calabria (-55%), Veneto e Abruzzo (-50%). Cali del 45% in Liguria e Marche, del 40% in Emilia Romagna e Puglia, del 30% in Toscana. «I più fortunati - prosegue Capacchione - hanno avuto le autorizzazioni per allestire le strutture a maggio inoltrato per poi aprire i cancelli a fine mese. Ma solo nella seconda metà di giugno i primi turisti hanno iniziato ad usufruire dei servizi di spiaggia. Buone le presenze nei week end ma i numeri riscontrati non sono sufficienti per risollevare i conti dopo una primavera mancata». «La causa principale è stata la pandemia - aggiunge - e la conseguente crisi economica, tanto che alcuni stabilimenti balneari hanno deciso di non aprire. Poi si è aggiunto il maltempo, e se si perde la domenica si vanifica l’incasso dell’intera settimana».

Leggi anche > Hotel in ginocchio, Federalberghi: «Dalle città d’arte a Capri, senza americani è nera»

In controtendenza il dato di Roma: le presenze sul litorale di Ostia hanno registrato un calo “solo” del 30-35%. «Questo perché i romani hanno scelto un turismo di prossimità e nessuna altra località balneare ha dietro una città come Roma - spiega Renato Papagni, presidente Federbalneari Roma - c’è un buon afflusso anche durante la settimana, chi è in smartworking va al mare dopo il lavoro o lavora sotto l’ombrellone. Il risvolto negativo è sui consumi».

Ultimo aggiornamento: 08:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA