Omicidio Willy Monteiro, chiesto il sequestro dei beni dei fratelli Bianchi

Venerdì 18 Settembre 2020 di Valentina Errante e Alessia Marani
I fratelli Bianchi accusati dell'omicidio di Willy Monteiro

La Guardia di finanza chiederà alla procura di Velletri il sequestro preventivo dei beni delle famiglie degli indagati per l'omicidio di Willy Monteiro Duarte, Marco e Gabriele Bianchi, Francesco Pincarelli e Mario Belleggia. Il blocco dei conti correnti e di tutte le utilità a disposizione degli indagati per una cifra pari a 28.747 euro, ossia a quanto avrebbero indebitamente percepito attraverso l'erogazione del beneficio del reddito di cittadinanza assegnato ai loro nuclei familiari.

LEGGI ANCHE Willy, reddito di cittadinanza revocato ai Bianchi. I fratelli indagati da anni e mai arrestati
 

Willy Monteiro, fratelli Bianchi incastrati da una foto: su un'auto nera con due donne dopo il pestaggio

C'è una foto che ha incastrato i fratelli Bianchi. Scattata con un telefonino poco dopo il pestaggio costato la vita a Willy Monteiro Duarte . L'immagine ritrae l'Q7 nera con la quale i fratelli Bianchi sono arrivati ad Artena, il piccolo paese arroccato sui monti alle porte alle porte di Roma.


Una misura richiesta dopo avere accertato, appunto, che i genitori percepivano il reddito di cittadinanza maggiorato per la presenza dei figli a carico. Le famiglie avrebbero «omesso di indicare nelle autocertificazioni compilate dati dovuti, creandosi in tal modo le condizioni per accedere al beneficio», questo emerge dalle indagini della Finanza.

LEGGI ANCHE Omicidio Willy Monteiro, sigilli alla palestra dove si allenavano i fratelli Bianchi
 

 

Le immagini, in particolate dei due picchiatori, che su Facebook ostentavano un tenore di vita altisssimo hanno anche fatto scattare le indagini patrimoniali, oltre al sospetto che dietro alla loro "bella vita" vi siano redditi non dichiarati o illegali. Le indagini proseguono. Intanto è stato disposto ed effettuato il sequestro preventivo della palestra Millenium di Lariano, dove i Bianchi, esperti di Mma, una tecnica che utilizza tutte le arti marziali nel combattimento, si allenavano dopo non essere stati accettati in altri impianti sportivi. I carabinieri hanno apposto i sigilli all'enorme struttura per gravi irregolarità tecniche e amministrative, inerenti anche la sicurezza. 
 
Video

Ultimo aggiornamento: 17:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA